20160131

Gemellaggio della “Bottega dell’Arte” con un gruppo di San Pietroburgo



di Silvano Valentini
Importante gemellaggio internazionale in vista per la “Bottega dell’Arte” di Missaglia (foto), che è stata recentemente contattata, soprattutto per merito della sua docente di pittura Olena Khudoley, artista ucraina di origine russa, da un noto e autorevole gruppo artistico-culturale russo, il “Centro Programmi Umanitari” di San Pietroburgo (nella foto una suggestiva veduta notturna di Piazza del Palazzo), guidato da Vitalii Vasilev, per un’esposizione di pittura italo-russa in Italia, nelle sale di Villa Filippini a Besana in Brianza, grazie, in questo caso, all’interessamento del presidente della Pro Loco besanese Angelo Viganò, e appunto per un gemellaggio fra i due gruppi.


La mostra si svolgerà da sabato 17 a domenica 25 settembre 2016, con la consegna, nel corso dell’esposizione, dei riconoscimenti relativi al “Premio Internazionale di Arte e Cultura L’Arcobaleno” 2016 (in passato, tra gli altri, ottennero il Premio il Card. Carlo Maria Martini, Felice Gimondi, Alexandre Prokhorov della “Voce della Russia”, Le Figaro di Parigi, la Fondazione Brigitte Bardot e tanti altri).

Il “Centro Programmi Umanitari” di San Pietroburgo si è impegnato a invitare nel 2017 il gruppo artistico-culturale brianzolo della “Bottega dell’Arte” nella sua sede, in una città che ospita l’Ermitage, uno dei più importanti musei del mondo, e che è stata in buona parte edificata grazie alla creatività di artisti e architetti italiani, come il bergamasco Giacomo Quarenghi, il fiorentino Bartolomeo Rastrelli e il napoletano Carlo Rossi.