20160115

Marco Monaldi al Castello Visconti di San Vito a Somma Lombardo

di Silvano Valentini
Invito di prim’ordine per il “Pittore dell’Arma” Marco Monaldi, che esporrà le sue migliori opere sui Carabinieri, a cui si dedica da anni, nelle sontuose sale del Castello Visconti di San Vito a Somma Lombardo (Varese), prestigiosa location risalente al 1250 e più volte ristrutturata, gestita dall’omonima Fondazione Visconti di San Vito,
presieduta dall’avvocato Gaetano Galeone, con coadiutore Maurizio Rossi, responsabile del castello Graziano Bertin e segretaria Cristina Bertacchi.
Promotori dell’iniziativa il colonnello Alessandro De Angelis, comandante provinciale di Varese dei Carabinieri e l’Associazione Nazionale Carabinieri di Somma Lombardo, presieduta da Domenico Rossi, prontamente fatta propria dall’artista e dal suo staff, nelle persone di Vittorio Mottola, Davide Farella e Giorgio De Pedrina, con inaugurazione della mostra domenica 20 marzo alle ore 11,30, visitabile fino al 3 aprile il sabato e la domenica dalle ore 10 alle 11,30 e dalle 14,30 alle 18 e possibilità di visite delle scolaresche nel corso della settimana.


Marco Monaldi, pittore impressionista nativo di Ancona nelle Marche e residente a Orsenigo (Como), creatore anche di uniformi storiche, in particolare dell’antica Roma, vanta fra i suoi più recenti successi le mostre del 2009 a Fermo nelle Marche e a Merate (Lecco), del 2011 alla Torre Viscontea di Lecco e a Menaggio (Como), con un’opera donata al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, del 2012 a Bologna, del 2013 al Louvre di Parigi e del 2015 al Museo del Risorgimento di Milano, con la prospettiva di un’importante esposizione a Milano nel giugno di quest’anno, in occasione del XXIII raduno generale dell’Associazione Nazionale Carabinieri.