20160607

Il “Pittore dell’Arma” Marco Monaldi a Palazzo Reale di Milano



di Silvano Valentini
Sempre più in vista, nel campo dell’arte contemporanea, il “Pittore dell’Arma” Marco Monaldi, originario di Ancona nelle Marche e attualmente residente con la famiglia a Orsenigo, in provincia di Como.

Marco Monaldi esporrà infatti le sue opere, grazie anche e soprattutto a Vittorio Mottola, Davide Farella e Giorgio de Pedrina, che compongono uno staff di esperti che lo segue costantemente, a Palazzo Reale di Milano, in Piazza Duomo, nelle giornate di venerdì 17, sabato 18 e domenica 19 giugno nell’ambito delle iniziative promosse per il XXIII raduno nazionale dell’A.N.C., l’Associazione Nazionale Carabinieri.
Nutrito il programma del raduno, dalla sfilata dei mezzi storici per le vie di Milano al lancio di paracadutisti, dall’esposizione a Palazzo Reale di cimeli e di uniformi storiche alla mostra personale, sempre nelle prestigiose sale di Palazzo Reale, di alcune opere sui carabinieri, appunto, di Marco Monaldi, che ha recentemente incontrato a Roma il comandante generale dei Carabinieri, il generale Tullio Del Sette (nella foto, il secondo da sinistra dopo Davide Farella e prima di Marco Monaldi e del capo di stato maggiore generale Ilio Ciceri).

Marco Monaldi è un pittore di tendenza impressionata che da molti anni si è specializzato nel rappresentare nei suoi quadri la storia dei carabinieri, passata, recente e attuale, e che vanta mostre personali e collettive di alto valore artistico e di grande risonanza mediatica, come ad esempio negli ultimi tempi, per sintetizzare il suo ampio curriculum, l’esposizione al Carrousel du Louvre di Parigi, una mostra personale al Circolo ufficiali di Bologna, un’altra, sempre personale, al Museo del Risorgimento di Milano e per ultima, con ampi consensi di pubblico e di critica, quella al Castello Visconti di San Vito a Somma Lombardo, in provincia di Varese.