20160607

“Mindfulness e scrittura creativa”, seminario il 25 e 26 giugno all’Eremo del Barro


Galbiate - Sabato 25 e domenica 26 giugno, nello splendido contesto naturalistico dell’Eremo del Monte Barro a Galbiate si terrà un nuovo incontro intensivo di pratica di Mindfulness.
L’intensivo, dal titolo “Mindfulness e scrittura creativa”, sarà condotto dalla dottoressa Valeria Degiovanni, psicologa e psicoterapeuta, istruttore senior di protocolli Mindfulness based del Centro italiano studi Mindfulness, e da Marco Mastrilli, istruttore di Mindfulness e scrittore, nonché direttore marketing di una grande multinazionale.

Ma cosa lega la Mindfulness alla scrittura creativa?
A rispondere è la stessa dottoressa Degiovanni: “La Mindfulness ci aiuta a prendere contatto e ad accogliere tutte le nostre emozioni, riconoscendole nel corpo e dando loro un nome. Impariamo ad accorgerci di tutte quelle volte in cui, nelle nostre giornate, proviamo gioia, stupore, rabbia, delusione, vergogna, tristezza, paura, gelosia, fastidio, disgusto, malinconia, serenità, sorpresa, meraviglia, curiosità, frustrazione, invidia e tutte le altre mille sfumature emotive che colorano le nostre vite”. 

“Attraverso la pratica di mindfulness - aggiunge - proviamo ad accoglierle tutte, senza preferenza, e ci interessiamo, come piccoli scienziati, di dove vada a finire nel nostro corpo l’emozione: nello stomaco, nell’intestino, nei muscoli mandibolari, nel collo, nella schiena, nel respiro, nella pelle. Alcune tensioni, infiammazioni, contrazioni, posture, atteggiamenti corporei ci parlano infatti delle nostre emozioni e richiamano la nostra attenzione, spesso distratta, su di loro. Con la Mindfulness proviamo a dare loro questa attenzione con un atteggiamento di cura amorevole, facendo anche luce su tutti quei pensieri che accompagnano e spesso alimentano le nostre emozioni, impedendoci di viverle e lasciarle andare: rimuginii, giudizi, commenti, dialoghi interiori estenuanti, e a volte massacranti, che le trattengono o le respingono”.
E’ altrettanto vero che spesso di fronte alle emozioni più forti e più difficili ci si trova in due vicoli ciechi: uno è l’impulsività dell’emozione agita, quella che diventa azione ancor prima che ce ne accorgiamo, in modo automatico, l’altro la negazione dell’emozione soffocata, trattenuta, rimossa.
“Se è capitato anche a voi di non trovare il modo per dar voce a certe emozioni, senza che le stesse vi travolgano - osserva sempre Valeria Degiovanni - Se vi è capitato di pensare che alcune emozioni siano negative e non vadano provae, se credevate di avere tutto sotto controllo e poi vi siete trovati spiazzati da una esplosione emotiva nel seminario del 25 e 26 giugno proveremo a far pace con tutte le nostre emozioni e a sperimentare attraverso la scrittura creativa una via per lasciarle andare, senza che ci travolgano e senza fingere che non ci siano”.
“La scrittura - spiega sempre la dottoressa Degiovanni - è un potente mezzo espressivo che ci consente di dare forma al nostro sentire, riconoscendone il valore, quale bussola interiore. Attraverso la scrittura possiamo sentirci liberi di esprimere il nostro variegato mondo interno, senza preoccuparci, giudicarci o inibirci. La scrittura è una forma creativa che ci stupisce, perché non solo è il canale per esprimere ciò di cui siamo consapevoli, ma è anche un orecchio capace di captare elementi non ancora giunti alla coscienza che, proprio attraverso il flusso espressivo, iniziano a diventare familiari”.
Il seminario è aperto sia a principianti sia a quanti già praticano la Mindfulness.
Costo: 140 euro per le 2 giornate di formazione, più 50 euro forfait per vitto e alloggio.


Per informazioni e iscrizioni scrivere all’indirizzio e-mail info@mindfulorganization.it.