20160901

La Chiesa di Lecco ha ricordato il quarto anno della scomparsa del Cardinale Carlo Maria Martini.



di Gianni Riva
LECCO - Anche la Chiesa di Lecco ha ricordato il quarto anniversario della norte dell'amato Cardinale Carlo Maria Martini. All'Arcivescovo di MIlano, scomparso nel 2012, nella Basilica di San Nicolò il prevosto Monsignor Franco Cecchin con don Paolo Ventura ha celebrato la messa di suffragio con il canto delle Suore di San Francesco Saverio . Un affettuoso ricordo di un Vescovo che anche il capoluogo manzoniano ha amato.Martini  a pochi mesi dal suo ingresso in Duomo nel 1980 scelse Lecco fra i primi approcci della sua missione pastorale  incontrando anche l'amministrazione comunale di allora con  il Sindaco Giuseppe Resinelli e con la sala del consiglio colma di cittadini attenti e curiosi gerso il nuovo Arcivescovo..  "Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino". Questo versetto del Salmo 119, che Carlo Maria Martini ha scelto per la lapide della sua sepoltura, sintetizza il senso profondo della sua spiritualità e della sua testimonianza. In quelle parole è come contenuto il suo più intimo segreto. Potremmo dire che vi si può leggere l’icona della sua esistenza.che potesse rappresentarlo la sua singolare personalità di uomo di Dio "La Parola del Signore, il dialogo e lo stile di vita sono gli insegnamenti che ci ha lasciato in eredità": ha voluto dire il Prevosto Monsignor Cecchin nell'omelia. Martini fu nominato arcivescovo di Milano il 29 dicembre 1979 da papa Giovanni Paolo II, venne da lui consacrato nella Basilica di San Pietro il 6 gennaio successivo. Il 10 febbraio 1980 fece l'ingresso a piedi nella diocesi ambrosiana, dicendo "Vengo da lontano, come Paolo, con titubanza", succedendo al cardinale Giovanni Colombo.