20161025

Andrea Tarabbia vince il Premio Manzoni Romanzo Storico con “Il giardino delle mosche”: secondo Macchiavelli, terzo Affinati




La Giuria Popolare ha incoronato Andrea Tarabbia vincitore del Premio Letterario Internazionale Alessandro Manzoni al Romanzo Storico, organizzato da 50&Più Confcommercio Lecco.

La serata finale dell’edizione 2016 si è svolta sabato 22 ottobre al Teatro della Società di Lecco. “Il giardino delle mosche” di Andrea Tarabbia (Ponte delle Grazie) ha prevalso nel voto popolare conquistando 48 preferenze e superando “Noi che gridammo al vento” di Loriano Macchiavelli (Einaudi), giunto secondo con 33 voti, e “L’uomo del futuro” di Eraldo Affinati (Mondadori) arrivato terzo con 18 schede a favore (una scheda è stata annullata durante lo spoglio effettuato in diretta dal notaio Federica Croce).
La serata, presentata dalla giornalista Valeria Vanetti, ha visto salire sul palco i tre finalisti. Al loro fianco il presidente della Giuria Tecnica, Ermanno Paccagnini, e Stefano Motta, anche lui componente della Giuria Tecnica: Paccagnini e Motta hanno conversato con Affinati, Macchiavelli e Tarabbia sul loro rapporto con Manzoni, sul futuro del romanzo e… su altri temi letterari.
Prima della proclamazione del vincitore sono saliti sul palco per un intervento il presidente di Confcommercio Lecco, Antonio Peccati, il presidente di 50&Più Lecco, Eugenio Milani, l’assessore alla Cultura del Comune di Lecco, Simona Piazza (in sala era presente anche il sindaco di Lecco, Virginio Brivio) e il presidente di Acel Service Giovanni Priore; da segnalare la presenza in sala anche del senatore Gianmario Fragomeli.
Andrea Tarabbia succede nell’albo d’oro al vincitore 2015 ovvero Massimo Zamboni con il suo romanzo "L'eco di uno sparo" (Einaudi). Centrale anche in questa edizione la collaborazione con librerie e biblioteche: le librerie Cattaneo, Ibs-Libraccio, Libreria Volante, Parole nel Tempo di Lecco, Perego Libri di Barzanò e La Torre di Merate e le biblioteche di Valmadrera, Costa Masnaga e Sirone hanno indicato i 100 componenti della Giuria Popolare.

Da segnalare infine che sabato 19 novembre, sempre al Teatro della Società di Lecco con inizio alle ore 21, si terrà la cerimonia di consegna del Premio Manzoni alla Carriera 2016 a Dacia Maraini. La scrittrice sarà presente alla serata per ritirare il premio e per raccontare al pubblico lecchese la sua straordinaria carriera.

Il romanzo vincitore
“Il giardino delle mosche” di Andrea Tarabbia

Tra il 1978 e il 1990, mentre in Unione Sovietica il potere si scopriva fragile e una certa visione del mondo si avviava al tramonto, Andrej Cikatilo, marito e padre di famiglia, comunista convinto e lavoratore, uccideva nei modi più orrendi quasi 60 persone. Le sue vittime avevano tutte una caratteristica comune: vivevano ai margini della società o non si sapevano adattare alle sue regole. Erano insomma simboli del fallimento dell'Idea comunista, sintomi dell'imminente crollo del Socialismo reale. Questo libro, sospeso tra romanzo e biografia, narra la storia di uno dei più feroci assassini del Novecento attraverso la visionaria, a tratti metafisica ricostruzione della confessione che egli rese in seguito all'arresto. E fa di più. Osa raccontare l'orrore e il fallimento in prima persona: Cikatilo, infatti, svela le sue pulsioni più segrete, le sue umiliazioni e ossessioni. "Il giardino delle mosche" è un libro lirico e crudele allo stesso tempo: la storia di un'anima sbagliata, una meditazione sul potere e la sconfitta e, soprattutto, una discesa impietosa fino alle radici del Male.