20161004

Giannino Castiglioni scultore e architetto a Lierna


Oltre 600 i luoghi aperti in 150 città di tutta Italia grazie a 3.500 volontari del FAI - Fondo Ambiente Italiano: questi i numeri di FAImarathon 2016, la manifestazione nazionale, a sostegno del mese di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia” affidata ai giovani del FAI. Domenica 16 ottobre il FAI apre le porte di palazzi, chiese, teatri, cortili delle nostre città spesso trascurati e poco conosciuti, proponendo ed eventi speciali. 

Dopo il successo della FAImarathon dell’anno scorso, che si tenne a Bellano,  la Delegazione di Lecco, con la fattiva e generosa collaborazione del Comune di Lierna e della sua Amministrazione, organizza per domenica 16 ottobre la manifestazione culturale dal titolo:

Giannino Castiglioni scultore e architetto a Lierna

Come si può evincere da titolo, il Gruppo FAI Giovani della Delegazione di Lecco, con il prezioso aiuto degli Apprendisti Ciceroni del Liceo Artistico Statale Medardo Rosso di Lecco, vi guiderà alla scoperta della vita e delle opere di Giannino Castiglioni e dello splendido borgo lacustre di Lierna. Sul lago di Como, a Lierna, sin da quando era giovane, lo scultore Giannino Castiglioni (Milano, 1884 - Lierna, 1971) soggiornò per diverse estati e lì concepì alcune delle sue opere più importanti come il celebre Monumento ai Caduti del Lungolago di Lecco o il basamento per la tomba di Alessandro Manzoni. Dal 2009 molti lavori dello scultore hanno trovato casa proprio a Lierna, proprietaria del Fondo Castiglioni.
Nel 2009 infatti, in seguito al crollo del tetto del deposito milanese dove centinaia di gessi erano conservati, gli eredi disposero che l'intero fondo - composto da oltre trecentocinquanta pezzi di mano dello scultore - venisse donato alla celebre città lacustre. Nel dicembre del 2013 si concluse il trasferimento del fondo al piccolo comune. Oggi si possono ammirare all'interno del Municipio alcuni dei suoi lavori, come una scena della Via Crucis per l'edicola Antonio Bernocchi nel Cimitero Monumentale del 1346 e il bozzetto di una delle formelle appartenenti alla porta del Duomo di Milano, che ora risplendono grazie al lavoro di pulitura eseguito dal liceo artistico lecchese Medardo Rosso. 
Domenica 16 ottobre, dalle ore 10.00 alle ore 17.00, il Gruppo Giovani della Delegazione FAI di Lecco aprirà le porte del Municipio, della Casa delle Associazioni, del Cimitero e di Castello, la splendida frazione medievale di Lierna. In ogni punto troveranno le guide del FAI pronte a raccontare la vita e le opere del celebre scultore milanese, insieme a qualche cenno sulla storia di Lierna. Si consiglia di iniziare il percorso culturale dalla centrale Piazza IV Novembre o dal Comune di Lierna, in Via Parodi 45, a pochi minuti di distanza dalla stazione FS, perché in entrambi i luoghi sarà possibile ricevere tutte le informazione necessarie.


Per il Fondo Ambiente Italiano FAImarathon è un evento nazionale di raccolta pubblica di fondi rivolto a tutti e tutte le aperture e le visite offerte dalla Delegazione di Lecco sono a contributo libero. In piazza solo la domenica di FAImarathon è riservata a tutti i nuovi iscritti la quota promozionale ordinaria di 29€ per l’iscrizione al FAI; presso i banchetti della Delegazione (Piazza IV Novembre e Municipio) ci sarà la possibilità di rinnovare l’iscrizione annuale.


** SAVE THE DATE **
Mercoledì 5 ottobre, ore 18.00
Politecnico di Lecco, aula B.07
Conferenza di presentazione della FAImarathon “Giannino Castiglioni scultore e architetto a Lierna” con la presenza di Giannino Castiglioni, nipote dell’artista e presidente dell’Associazione Culturale Giannino Castiglioni, Eugenio Guglielmi, professore universitario e autore del volume L’arte del fare, Giannino Castiglioni scultore, Massimo Dell’Oro, architetto e vicepresidente dell’Associazione Culturale Giannino Castiglioni. L’incontro sarà aperto dalla presentazione dell’iniziativa culturale FAImarathon a cura di Francesco Baj, referente del Gruppo FAI Giovani della Delegazione di Lecco, e da un saluto del sindaco di Lierna, Edoardo Zucchi.