20161006

Il Comune di Lecco sostiene il reinserimento sociale

LECCO - I progetti "Porte aperte 2.0" e "Fuoriluogo" lavorano per dare una seconda opportunità agli autori di reati
Il Comune di Lecco e i servizi sociali d'ambito aderiscono come partner associati ai progetti "Porte aperte 2.0" e "Fuoriluogo", volti al reinserimento sociale rispettivamente di soggetti adulti (Porte Aperte 2.0) e minori (Fuoriporta) autori di reati.

L'avviso pubblico regionale, al quale i progetti si rivolgono per l'ottenimento dei finanziamenti, è stato bandito allo scopo di promuovere lo sviluppo di interventi di accompagnamento all'inclusione socio lavorativa delle persone sottoposte a provvedimenti dell'autorità giudiziaria, gli enti capofila di "Porte aperte 2.0" e "Fuoriluogo"sono ripettivamente il consorzio Consolida e la cooperativa sociale Ippogrifo e le azioni programmate si propongono di orientare e supportare alla ricerca di un alloggio, alla formazione di competenze, oppure alla loro riacquisizione, e alla ricerca di un impiego che completi il quadro di un inserimento che davvero si possa definire tale.
"L'adesione a queste due progettualità importanti è estremamente significativa, anche a fronte del bando regionale che mette davvero a disposizione molte risorse - sottolinea l'assessore alla pelitiche sociali del Comune di Lecco Riccardo Mariani -. Un territorio e un Comune come i nostri, forti di una grande tradizione di attenzione nei confronti di azioni di ingaggio della comunità a favore di situazione di fragilita e marginalità, non potevano non dare il loro contributo, specialmente anche in questo ambito di intervento pensato per riabilitare adulti e minori che hanno avuto problemi con la giustizia".