20161013

LA NOSTRA FAMIGLIA: 70 ANNI DALLA PARTE DEI BAMBINI. SIMONA ATZORI E MATTEO FEDELI PROTAGONISTI DEL TOUR NAZIONALE



70 anni al servizio dei bambini e dei giovani con disabilità, 29 sedi distribuite sul territorio nazionale e un’attività di ricerca scientifica d’avanguardia nel contesto europeo.

Quella della Nostra Famiglia è una storia di impegno quotidiano che merita di essere raccontata, e che a partire da novembre sarà al centro di un tour nazionale con protagonisti Simona Atzori e Matteo Fedeli.

Era il 28 maggio 1946 quando i primi due bambini fecero il loro ingresso nella casa di Vedano Olona (VA). Da allora la crescita dell’Associazione, per rispondere alle richieste delle istituzioni e dei territori di riferimento, è stata esponenziale. 
Oggi La Nostra Famiglia è presente in Italia con 29 sedi e collabora con l’Organismo di Volontariato per la Cooperazione Internazionale OVCI in 6 Paesi del mondo. Accoglie nei propri centri tanti bambini e ragazzi, sia con quadri patologici di estrema gravità, come gli stati vegetativi e le pluriminorazioni, sia con situazioni meno gravi, a rischio psicopatologico o di svantaggio sociale. Si prende cura della loro crescita globale, garantendo la diagnosi, la cura, l’educazione e il loro benessere e quello delle loro famiglie. 
La Nostra Famiglia è oggi riconosciuta, nel campo della riabilitazione e della ricerca per la disabilità in età evolutiva, come una delle più grandi e qualificate strutture in Europa. Infatti, grazie all’Istituto Scientifico “Eugenio Medea”, affianca all’attività clinica e riabilitativa un’approfondita attività di ricerca in neuroriabilitazione, con riferimento ad una vasta gamma di patologie neurologiche e neuropsichiche dell'età dello sviluppo.
Il Medea è oggi l'unico Istituto Scientifico italiano riconosciuto per la ricerca e la riabilitazione nello specifico ambito dell'età evolutiva.

Il Bilancio di Missione
In occasione del suo settantesimo anniversario La Nostra Famiglia ha redatto il suo primo Bilancio di Missione. “Un documento” spiega la Presidente Luisa Minoli, “attraverso il quale raccontare il lavoro che viene svolto nei Centri e negli Ospedali di Riabilitazione per accompagnare la vita di tanti bambini e ragazzi  e delle loro famiglie. Il Bilancio di Missione 2015 illustra i dati e le informazioni di quanto realizzato in questo anno di intenso lavoro e le molteplici attività in atto”.

Nelle 29 sedi dell’Associazione – distribuite in 6 Regioni italiane – lavorano ogni giorno 2.442 operatori affiancati da 330 volontari. Grazie al loro impegno, nel solo 2015 La Nostra Famiglia ha assistito nei propri Centri di Riabilitazione quasi 35.000 bambini e giovani, di cui 26.720 per trattamenti riabilitativi e 8.276 per visite specialistiche, ed ha portato avanti 95 progetti di ricerca scientifica, i cui risultati sono stati oggetto di 146 pubblicazioni.

Il tour nazionale con Simona Atzori e Matteo Fedeli
Simona Atzori e Matteo Fedeli, insieme alle ballerine Beatrice Mazzola e Mariacristina Paolini e al pianista Andrea Carcano, saranno i protagonisti del tour nazionale “INCONTRARTI. Danza Musica Pittura ed Emozioni”, che La Nostra Famiglia porterà in 10 città tra novembre e maggio. 
Il tour partirà da Como (Teatro Sociale) il 6 novembre e toccherà poi le città di Salerno (4 dicembre, Teatro Augusteo), Conegliano (18 marzo, Teatro dell’Accademia), Padova (25 marzo, Teatro ai Colli), Udine (6 aprile), Casarsa della Delizia (7 aprile, Teatro Pasolini), Milano (4 maggio, Teatro Litta), Saronno (12 maggio, Teatro Giuditta Pasta), Lecco (19 maggio, Teatro Cenacolo Francescano) e Brindisi (data da definire). 

“Questo tour sarà un incontro tra le arti, quindi tra la danza, la pittura e la musica. Un’opportunità di incontro straordinario, che non vedo l’ora di vivere come artista ma anche come donna” ha dichiarato Simona Atzori. 
“Per me sarà un’esperienza affascinante” ha aggiunto Matteo Fedeli, “perché in questa serie di concerti e di spettacoli uniremo le nostre arti per far vivere emozioni, per andare oltre le barriere e per parlare un linguaggio universale, che è quello della musica, del movimento della danza e della pittura. Sono convinto che queste arti coinvolgeranno il pubblico per andare oltre e per lanciare un messaggio bellissimo in grado di parlare al cuore di tutti”.

“Quella della Nostra Famiglia è una storia di incontri: dal primo, nel 1937, quando il fondatore beato Luigi Monza entusiasmò al suo ideale un gruppo di giovani donne, a quello nel 1950 tra la nostra  prima Presidente Zaira Spreafico e l'illustre psichiatra Eugenio Medea, che contribuì a dare dignità scientifica alla riabilitazione, fino ad arrivare ai giorni nostri: l'amicizia con Matteo e Simona e l'incontro quotidiano con tanti bambini  e ragazzi e con le loro famiglie dicono che ancora oggi il nostro sogno di speranza è vivo ed è contagioso”, ha concluso la Presidente Luisa Minoli.