20161013

Una grande dell’architettura internazionale al Politecnico

Visiting professor per il semestre autunnale, Benedetta Tagliabue sceglie Lecco


Dopo Harvard nel 2012, la Columbia University nel 2010 e Barcellona ETSAB, Benedetta Tagliabue, architetto italiano di fama mondiale, sceglie il Politecnico e Lecco per la sua nuova avventura come visiting professor.
A partire da oggi, mercoledì 12 ottobre, sarà infatti titolare dell’insegnamento di  “Architettura e Progettazione Architettonica” all’interno del Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura.

Il Politecnico di Milano, che ha fra i suoi obiettivi primari quello di formare professionisti di qualità che possano competere in un contesto internazionale e che sappiano affacciarsi con efficacia e successo sul mercato del lavoro mondiale, ha da anni deciso di investire per internazionalizzare la propria faculty, collaborando le principali università tecniche d’Europa e con professionisti di conclamata fama internazionale.
Benedetta Tagliabue, esempio emblematico di alta professionalità, oltre che un’eccellenza italiana nel mondo, rappresenta per il Polo di Lecco e i suoi studenti un’opportunità importante e di primissimo livello per sviluppare una didattica all’avanguardia, strettamente legata alle esigenze del mondo del lavoro e all’esperienza dei professionisti del settore.

Benedetta Tagliabue
ha studiato architettura presso l'Istituto di Architettura di Venezia (IUAV) e attualmente è direttrice dello Studio di Architettura Internazionale Miralles Tagliabue EMBT, fondato a Barcellona in collaborazione con Enric Miralles nel 1994.
È anche direttrice del Enric Miralles Foundation, fondata nel 2011, il cui obiettivo è quello di promuovere l'architettura sperimentale.
Il suo studio si dedica al campo dell'architettura, del design degli spazi pubblici, la riabilitazione, interior e industrial design.
Tra i suoi più importanti progetti su scala urbana ci sono il Mercato di Santa Caterina a Barcellona, il Diagonal Mar Park a Barcellona, ​​il Campus dell'Università di Vigo, gli spazi pubblici della grande area di rivitalizzazione di HafenCity nel porto di Amburgo, il Parco dei Colori a Mollet del Vallès e il Gas Natural Building a Barcellona.
Recentemente ha vinto il 2013 RIBA Jencks Award, che viene assegnato ogni anno a una persona che ha dato un contributo importante a livello internazionale sia per la teoria e la pratica dell'architettura.

Nel 2004 ha ricevuto la laurea honoris causa dalla Facoltà di Lettere e Scienze Sociali, Università Napier, Scozia.