20161013

VILLA MONASTERO, TRA SHAKESPEARE E MANZONI


Da sabato 15 ottobre a mercoledì 30 novembre nella Casa Museo Villa Monastero di Varenna sarà possibile visitare la mostra Villa Monastero, tra Shakespeare e Manzoni.
 Durante le manifestazioni dell’ottobre manzoniano lecchese e in occasione dell’anniversario della morte di William Shakespeare (1564-1616) Villa Monastero presenta una mostra dossier che prende spunto dalla decorazione pittorica ottocentesca del Salottino Mornico, ispirata alla tragedia di Romeo e Giulietta (con la citazione del famoso “Bacio” di Francesco Hayez nella versione del 1823) composta dal grande autore inglese tra il 1594 e il 1596.


A questa vengono affiancati alcuni dipinti, nella maggior parte inediti (alcuni dell’interessante Collezione Micheli), realizzati dai pittori Matteo Meneghini di Bellagio, Eliseo Sala (dell’artista milanese viene proposta la rara versione “Lucia che si affaccia dal balcone nel giorno stabilito dalle nozze” databile al 1843), dei lecchesi Vincenzo Bianchi e Carlo Pizzi, realizzati alla metà dell’800, dedicati alla raffigurazione di luoghi, personaggi ed episodi tratti dai Promessi Sposi di Alessandro Manzoni, che ben illustrano le analogie tra i due grandi scrittori.

Sono inoltre presenti un busto di Manzoni e la statuetta di Lucia Mondella, realizzati dallo scultore nativo di Costa Masnaga Francesco Confalonieri, autore del monumento celebrativo in piazza Manzoni a Lecco, ideato e sostenuto dall’abate e geologo lecchese Antonio Stoppani, inaugurato l’11 ottobre 1891.

La mostra sarà aperta a ottobre venerdì, sabato e domenica dalle 10.00 alle 17.00; a novembre domenica dalle 11.00 alle 17.00; durante la settimana apertura su prenotazione (villa.monastero@provincia.lecco.it) per gruppi e scuole.

“L'iniziativa - commenta il Consigliere provinciale delegato alla Cultura e al Turismo Ugo Panzeri - vuol essere un contributo culturale che la Provincia di Lecco offre, tramite il gioiello di Villa Monastero, scrigno dalle mille risorse, all'impegno della città capoluogo nel riproporre ogni anno, sotto forme diverse e innovative, la figura del grande lombardo. Ci auguriamo che questo piccolo gesto possa essere preludio di altre future disponibilità che il territorio provinciale metta a disposizione al mese manzoniano”.

Il biglietto d’ingresso è di 8 euro (5 euro solo il Giardino), mentre l’ingresso ridotto per persone con più di 65 anni, gruppi composti da più di 10 persone, soci Touring, ragazzi dai 12 ai 18 anni e studenti dai 18 ai 24 anni è di 4 euro (2 euro solo il Giardino); l’ingresso è gratuito per bambini da 0 a 11 anni compiuti, persone diversamente abili, tesserati ICOM, possessori di Abbonamento Musei Lombardia Milano e residenti a Varenna.