20161007

VILLE APERTE IN BRIANZA 2016 CHIUDE IN BELLEZZA

Elevata partecipazione di visitatori all’iniziativa Ville Aperte in Brianza, promossa dalla Provincia di Monza e Brianza con il coinvolgimento della Provincia di Lecco, della Provincia di Como e di numerosi Comuni, associazioni e soggetti privati.


Complessivamente da sabato 17 settembre a domenica 2 ottobre ben 21.000 visitatori hanno affollato gli oltre 133 luoghi aperti e visitabili nei comuni dei territori di Monza e Brianza, Lecco, Como e Milano.


Dopo la positiva esperienza degli anni scorsi, la Provincia di Lecco ha aderito anche quest’anno alla 14^ edizione, offrendo a un pubblico di adulti, famiglie e giovani la possibilità di apprezzare e conoscere i beni culturali del territorio della Brianza lecchese, oltre all’affascinante compendio di Villa Monastero a Varenna.

I siti della Provincia di Lecco hanno registrato circa 5.000 visitatori: si segnala la straordinaria affluenza a Varenna con oltre 1.100 visitatori per Villa Monastero, a Montevecchia con 530 presenze per Villa Agnesi Albertoni e a Santa Maria Hoè con 400 presenze per Villa Semenza.


“La collaborazione tra la Provincia di Lecco e quella di Monza e Brianza - commenta il Consigliere delegato alla Cultura e al Turismo Ugo Panzeri - dimostra il forte impegno e il lavoro comune tra le istituzioni per dar vita a iniziative di valore culturale. E’ necessario continuare a credere nel progetto Ville Aperte, ampliando la rete di soggetti per preservare e valorizzare il patrimonio storico-artistico e paesaggistico della nostra comunità, facendo conoscere quei beni non sempre fruibili, a dimostrazione che la bellezza è dietro l’angolo. Ringrazio, insieme alla comunità, le amministrazioni, gli enti e i privati che si sono messi in gioco offrendo la possibilità di visitare ciò che sino a oggi si è conservato lasciando un segno tangibile delle bellezze del nostro territorio. Grande merito alla Provincia di Monza e Brianza, che anche quest’anno ci ha permesso di essere partner di una iniziativa di pregio per la valorizzazione del patrimonio culturale locale in una sinergia che diventa sempre più decisiva per la riscoperta del nostro territorio”.