20161126

Grande interesse per Boccioni e il Futurismo a Viganò

Grande interesse ha suscitato a Viganò, dopo una settimana di pausa per la presenza dello scrittore Andrea Vitali a presentare in Comune il suo ultimo romanzo di successo, “Viva più che mai”, la ripresa del corso di storia dell’arte, dedicato quest’anno, come nella scorsa edizione del 2015, ai “Maestri Italiani”.

Giovedì 24 novembre, infatti, presso la Biblioteca civica nell’ex municipio in Piazza don Gaffuri, è ripreso il corso di storia dell’arte con il prof. Silvano Valentini, sul tema di Umberto Boccioni e il Futurismo, la grande avanguardia artistica italiana del primo Novecento, come la Metafisica di Giorgio de Chirico, rispetto ad altre, come il Cubismo, l’Espressionismo, l’Astrattismo, il Dada (o Dadaismo) e il Surrealismo, più internazionali, soprattutto in ambito europeo, seguite dalle neoavanguardie della seconda metà del secolo, più specificatamente americane, come l’informale, ad esempio di Jackson Pollock o di Lucio Fontana, la pop art di Andy Warhol e il concettuale.

Come nelle scorse serate, anche quella su Boccioni e il Futurismo, come da foto, ha registrato una grande affluenza di pubblico, allo stesso titolo di quelle precedenti, dedicate rispettivamente a Piero della Francesca e al Rinascimento italiano, a Lavinia Fontana e al Manierismo, a Michelangelo Merisi da Caravaggio e al Barocco, a Francesco Hayez e al Romanticismo, a Umberto Boccioni, appunto, e al Futurismo, e per ultimo, giovedì 1 dicembre, ad Antonio Ligabue e all’arte Naïf.
Il ciclo di incontri d’arte è stato organizzato, sia lo scorso anno e sia adesso, dal Gruppo Cultura di Viganò, presieduto dal pittore Corrado Pennati, in collaborazione con il Comune e la Biblioteca civica e in accordo con il critico d’arte prof. Silvano Valentini, presidente onorario della “Bottega dell’Arte” di Missaglia, guidata da Marco Busoni e Gerry Scaccabarozzi, e direttore artistico del G.A.D., il Gruppo Artistico Desiano presieduto da Alda Pitzalis con vicepresidente la nota pittrice Monica Catto.