20161114

Ieri sera Messa in latino nella chiesa gremita di San Giovanni Lecco per l'inizio dell'Avvento officiata da Monsignor Giuseppe Locatelli



di Gianni Riva
LECCO -Nella chiesa di San Giovanni ieri sera i fedeli hanno partecipato alla celebrazione liturgica in latino con canto ambrosiano secondo il Messale ambrosiano latino del cardinal Martini Nel calendario liturgico ambrosiano l’Avvento ha inizio la prima domenica dopo la festa di san Martino, ovviamente quella di ieri per cominciare adeguatamente il periodo di preparazione al Natale. La celebrazione officiata da Monsigno Locatelli della Comunità Pastorale di San Giobanni si era aperta dal rito dell’aspersione e si è conclusa dal canto della Salve regina. La magnifica collana di testi propri che la tradizione milanese ha associato alla prima domenica di Avvento è sottolineata dalle antiche melodie del canto ambrosiano: si ricorda ad esempio l’antifona d’ingresso “Ad te levavi” e il canto di comunione “Sicut fulgur”, che paragona l’avvento di Cristo a un lampo che brilla da Oriente fino all’Occidente.Le esecuzioni musicali erano affidate all’ensemble Antiqua Laus diretto da Alessandro Riganti, uno dei migliori gruppi vocali specializzati nel repertorio ambrosiano. Fondato nel 2008, ha cantato in moltissimi concerti e liturgie, ha all’attivo vari CD e ha promosso lo studio e la pubblicazione di manoscritti che tramandano il canto ambrosiano nelle varie epoche storiche. La liturgia è stata accompagnata dal grande organo Mascioni suonato da Marcello Rosa e dal mezzosoprano Dyana Bovolo che ha emozionato i gedeli.
La celebrazione ha sottolineato l’importanza di ricuperare nelle celebrazioni parrocchiali il prezioso patrimonio della tradizione liturgica e musicale milanese. Ogni anno infatti la parrocchia di San Giovanni propone, in alcuni dei momenti principali dell’anno liturgico, delle celebrazioni che permettono ai fedeli di accostarsi al patrimonio liturgico-musicale della tradizione ambrosiana. Impegno dell'Assoiciazione Res Musica e del musicologo lecchese Angelo Rusconi. Al termine il parroco della Comunità Pastorale ha ricordato il percorso di riflessione verso il Natale. "Un viaggio - ha detto don Claudio - con accanto Maria che toglie i nodi del nostro essere, La prima riflessione è verso la fretta che fa parte del nostro vivere quotidiano".