20161106

IL TARTUFO BIANCO D'ALBA INCONTRA LE ECCELLENZE DI CHIERI E IL CHIERESE

Da sinistra - Alberto Cagliero, consigliere con delega al Turismo di Chieri, Fabio Tripaldi, assessore alla Cultura e al Turismo di Alba, Maurizio Marello, sindaco di Alba, Claudio Martano, sindaco di Chieri, Marina Zopegni, assessore alle attività produttive di Chieri, Giulia Anfossi, assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili di Chieri, e Marco Scuderi, vicepresidente dell'Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba.

Sabato 5 e domenica 6 novembre, la città di Chieri è stata al centro di un ricco weekend di iniziative dedicate all'incontro tra il Tartufo Bianco d'Alba e le eccellenze enogastronomiche e culturali del Chierese.
Il palco dell'Alba Truffle Show e lo spazio espositivo di Sala Beppe Fenoglio hanno accolto autorità, artisti e chef che hanno valorizzato le punte di diamante del Chierese attraverso show cooking, degustazioni guidate ed esposizioni artistiche. Tra i prodotti messi in evidenza: il Freisa di Chieri Doc, i grissini rubatà, la focaccia chierese e le ciliegie di Pecetto, eccellenza della collina Torinese.

L'incontro tra la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba e Chieri è stato inaugurato da un momento istituzionale alla presenza del sindaco di Chieri, Claudio Martano, del sindaco di Alba, Maurizio Marello, dell'assessore alle attività produttive di Chieri, Marina Zopegni, dall'assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili di Chieri, Giulia Anfossi, dal consigliere con delega al Turismo di Chieri, Alberto Cagliero, dall'assessore alla Cultura e al Turismo di Alba, Fabio Tripaldi e dal vicepresidente dell'Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba, Marco Scuderi. 
Il sodalizio tra Alba e Chieri è proseguito con Freisa & Friends, workshop condotti da Luca Balbiano, presidente del Consorzio di Tutela Freisa di Chieri e Collina Torinese, e l'enologo Gianpiero Gerbi, che hanno guidato i partecipanti in una degustazione fra le diverse vinificazioni del Freisa di Chieri in abbinamento ai prodotti tipici. Alla presentazione dei vini si è aggiunto lo chef Vittorio Tinelli, del ristorante Stasera Cucino Io, che, nella serata di sabato 5 novembre, ha reinterpretato il Tartufo Bianco d'Alba utilizzando esclusivi ingredienti del chierese.
Novità dell'incontro sono state le due Casa Martini Mixology Class, in programma sabato e domenica pomeriggio. Walter Gosso – vincitore del Martini Grand Prix 2015 – ha accompagnato il pubblico in un viaggio alla scoperta di alcuni tra i più famosi cocktail al mondo, preparati con i prodotti Martini, eccellenza industriale fortemente legata a Chieri e al suo territorio. Tra le opere d'arte in esposizione, è stato presentato il logo di Chieri disegnato per l'occasione dal pittore Guido Appendino, il packaging contemporaneo dei grissini rubatà curato dagli artisti TheoGallino e Vittorio Valente e alcune opere appartenenti alla collezione civica Fiber Art “Trame D'autore”,testimonianza del passato industriale tessile della città di Chieri.
«Si rinnova la collaborazione tra l'Albese e il Chierese, dopo la presenza della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba alla settima edizione della manifestazione "Di Freisa in Freisa"», ha raccontato Claudio Martano, sindaco di Chieri. «Siamo onorati di essere la città ospite di un evento come la Fiera, in un contesto prestigioso e stimolante che ci ha dato la possibilità di presentare le nostre eccellenze. Credo fortemente nella sinergia e nella collaborazione tra poli di attrazione turistica come Alba e Chieri, per portare il nome delle rispettive zone nel mondo».

«La nostra presenza ad Alba è stata un'occasione per far conoscere la nostra storia e le nostre ricchezze», ha continuato l'assessore alle attività produttive di Chieri, Marina Zopegni. «Ciò che ci aspettiamo, è diffondere e condividere le eccellenze del territorio a livello internazionale e la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba non poteva essere occasione migliore, anche come leva per un ulteriore sviluppo economico territoriale».

«Oggi si sigla la collaborazione tra Alba e Chieri, città simili per dimensioni, cultura dell'accoglienza e attitudine alla qualità in campo enogastronomico. Alba e Chieri distano poche decine di chilometri e rappresentano un ideale collegamento turistico tra le colline delle Langhe e quelle di Torino. Salutiamo dunque con piacere la presenza di Chieri e del Chierese consapevoli che solo facendo rete si può far crescere e sviluppare un territorio», ha aggiunto il sindaco di Alba, Maurizio Marello.

«Continuano i grandi incontri del Tartufo Bianco d'Alba con le eccellenze locali e italiane», ha dichiarato LilianaAllena, presidente dell'Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba. «La sinergia tra Chieri, il Chierese, Alba e la sua Fiera si inserisce in un percorso di crescita e di conoscenza dello straordinario patrimonio culturale ed enogastronomico che rende i rispettivi territori ambasciatori del Made in Italy nel mondo. Il nostro auspicio è che i prodotti di Chieri trovino nella Fiera un'importante vetrina promozionale di fronte ad un pubblico internazionale».