20161128

La “Virgo Fidelis” celebrata domenica a Casatenovo dall’A.N.C. Merate-Missaglia


di Silvano Valentini
Celebrata in grande stile a Casatenovo domenica 27 novembre la ricorrenza annuale della “Virgo Fidelis”, dal 1949 patrona dei carabinieri in seguito a un Breve apostolico da parte di papa Pio XII, con una manifestazione di forte intensità emozionale, vista anche la presenza di un drappello di carabinieri in uniformi storiche, particolarmente apprezzate dalla gente accorsa numerosa sul sagrato della chiesa, dove si erano dati appuntamento i carabinieri, e con la partecipazione delle varie autorità, dai sindaci della zona o loro delegati a rappresentanti degli altri reparti delle forze armate, in particolare dell’esercito, dagli alpini ai bersaglieri, e della polizia locale.

Organizzatori dell’evento sono stati anche quest’anno, come sempre ormai da molto tempo a questa parte, soprattutto il sottotenente Antonio Gisonni, presidente dell’A.N.C., Associazione Nazionale Carabinieri, di Merate-Missaglia, con sede a Palazzo Teodolinda di Missaglia, e il vicepresidente, il maresciallo Giorgio Angeletti (rispettivamente primo e secondo da destra nella foto a due), insieme con i loro numerosi e attivi collaboratori e con i comuni del circondario.

Dopo la messa nella chiesa parrocchiale di San Giorgio a Casatenovo, carabinieri, sindaci, ex amministratori comunali e ospiti si sono trasferiti a Missaglia per il pranzo presso il ristorante Cafè Mania, durante il quale si sono tenuti i discorsi ufficiali di rito e i vari ringraziamenti.

Tra i presenti, oltre ai sindaci, i comandanti di stazione dei carabinieri del meratese e del casatese, Edonio Pecoraro di Merate, Michele Gerolin della caserma di Casatenovo con il suo nuovo vice, Christian Cucciniello, e Giovanni Mundula del nucleo cinofili (ultima foto a destra), e poi diversi ospiti d’onore, tra i quali la giornalista di Merateonline e Casateonline Gloria Crippa (a tavola con in mano la macchina fotografica) e il noto pittore e scultore Sergio Crippa di Casatenovo, con atelier d’art a Monticello Brianza. Alla fine un arrivederci all’anno prossimo anno.