20161103

L'Associazione Elephants for Peace ha fatto tappa a Lecco accolta dalla Galleria Spazio D e Il Giglio di Pescarenico



di Gianni Riva.
LECCO – Una festa gioiosa all'insegna della pace. Un impegno che ci coinvolge tutti, anche con semplici gesti. Disegni e immagini con protagonista l'elefante hanno preso il posto  per un pomeriggio  dei futuri ingegneri al Politecnico.
Stavolta bambini e anziani sono stati impegnati nel disegnare l'elefante il più  buono e sereno degli animali. Una iniziativa dell’associazione Elephants for Peace accolta dalla Galleria Spazio D e Il Giglio di Pescarenico. L'associazione nel 2010  ha come unico scopo quello di diffondere la pace nel mondo attraverso l’arte.

 Rose Marie Gnausch, presidente e fondatrice del movimento artistico mondiale ispirato alla promozione della cultura della pace, commenta: "L'elefante, è un animale enorme, ma allo stesso tempo molto tollerante e rispettoso delle altre specie, che si sposta in gruppo senza discriminare nessuno e anzi accogliendo nuovi membri all'interno della comitiva in cammino. Grazie ad alcune ricerche, inoltre, ho scoperto che il simbolo dell'elefante è sempre stato presente in tutte le religioni e le culture del mondo, a differenza della colomba, più propriamente cristiana, ed era persino legato a Mercurio, il messaggero degli dei pagani" . Elephant for Peace aveva già fatto tappa nel lecchese nello scorso mese di marzo a Valgreghentino. 

L'ex Sindaco Ernesto Longhi spiega:" L’artista tedesca aveva infatti portato il suo progetto di riflessione sul tema della convivenza tollerante tra culture diverse nel nostro territorio. Un incontro con studenti e qui al Politecnico alcuni lavori che danno il nome al movimento della Gnausch. . "Siamo nolto felici della risposta del pubblico - conclude Beatrice Civillini coordinatrice del centro anziani comunale Il Giglio - una iniziativa che aveva lo scopo di sensibilizzare tutti sul tema della pace.Per ottenerla c'è il bisogno della forza di tutti noi