20161214

Il Panathlon Club Lecco si è ritrovato nel tradizionale convivio natalizio e di fine anno. Occasione anche per consegnare i premi 2016

Foto: Alessio Corti 


di Gianni Riva
LECCO - "Tutti sanno come è grande il mondo ma occorre viverlo con gioia in pace e solidarietà", Così ha esordito Riccardo Benedetti presidente del Panathlon club citando una frase contenuta in un diario di una ragazza che vive in Valsassina scappata dal proprio Paese in guerra.I soci del Panathlon Lecco fondato nel 1968 si sono ritrovati ieri sera al Jolly Pontevecchio per l'appuntamneno conviviale in occasione delle feste natalizie e di fine anno.  Lo scopo del Panathlon è l'affermazione dell'ideale sportivo e dei suoi valori morali e culturali, quale strumento di formazione ed elevazione della persona e di solidarietà tra gli uomini e i popoli. Pertanto il Panathlon si propone di:favorire l'amicizia tra tutti i panathleti e quanti operano nella vita sportiva; diffondere a tutti i livelli, con azioni sistematiche e continue, la concezione dello sport ispirato al fair play, quale elemento culturale degli uomini e dei popoli. Ma la bella serata  ha visto anche come  protagoniste  le piacevoli voci solo femminili del Carmina Mea. 

Di loro e del direttore Anna Vascakova Benedetti c'è da sottolineare che possiedono la grande e preziosa capacità di coinvolgere, in una magica atmosfera, il pubblico che ascolta entusiasta e si lascia travolgere da un'esibizione di alto livello come è stato oeri sera al Jolly Pontevecchio fra i canti natalizi e in particolare Happy Days ("Giorni Felici")  Avvicinandosi alla fine del 2016, l'ormai tradizionale appuntamento con il Panathlon Club Lecco c'è stata la consegna dei suoi premi  assegnando il Trofeo Panathlon Lecco  alla rivelazione azzurra della pallavolo femminile Miriam Sylla, di Valgreghentino, giocatrice di serie A protagonista a livello mondiale e alle Olimpiadi di Rio con la maglia della Nazionale. La targa di merito a Luisa Gilardi e a Sergio Pozzi. La prima, allenatrice di canoa e canottaggio alla Società Canottieri Lecco 1895, insignita dal Coni di Roma della “Palma d'argento al merito tecnico. Pozzi è invece il presidente dell'Uc Costamasnaga di ciclismo che ha portato il sodalizio masnaghese alla soglia dei 65 anni, improntato sulla crescita dei più piccini, alla conquista del Criterium Nazionale Giovanissimi che è il campionato nazionale di categoria particolarmente ambito.

Infine il Premio Speciale, sempre sulla linea di puntare sui giovani, riconoscimento  al canottiere Andrea Panizza campione del Mondo Juniores 2016 nel “quattro con” e vincitore di diversi titoli tricolori. Fra i presenti alla serata amche il decano dei giornalisti lecchesi Renato Corbetta con i suoi 96 anni di età accompagnato dalla consorte, l'assessore allo sport del Comune Stefano Gheza e il presidente della Confcommercio Lecco Antonio Peccati.e il prevosto di San Nicolò Monsignor Fanco Cecchin che ha voluto porgere il propro augurio e una preghiera al sodalizio che si oprodiga anche in progetti umanitari. La serata è stata condotta dal giornalista Marco Corti.