20170119

La “Bottega dell’Arte” alla mostra di Sante Pizzol a Merate



di Silvano Valentini
Visita in massa nei giorni scorsi della “Bottega dell’Arte” di Missaglia alla mostra personale “Kriptografie”, opere d’arte in vetro, di Sante Pizzol ai Bastioni di Merate, in Via don Cazzaniga 3, esposizione organizzata dalla locale associazione artistica e culturale “Arte e 20” e aperta al pubblico dal 28 dicembre al 22 gennaio.

La “Bottega dell’Arte”, nota associazione artistico-culturale brianzola sorta a Missaglia nel 1977 proprio per iniziativa dello stesso Sante Pizzol, illustre e unanimemente riconosciuto grande maestro internazionale delle vetrate artistiche, che in quell’anno radunò attorno a sé a casa sua a Missaglia, dove aveva preso residenza provenendo prima dal Veneto e poi da Milano, alcuni importanti artisti del territorio, tra cui il grande maestro dell’arte contemporanea italiana, e non solo, Aligi Sassu, che ne divenne poi presidente onorario, per promuovere e diffondere le tecniche dell’arte pittorica e scultorea.
La mostra di Sante Pizzol a Merate, illustrata alla “Bottega dell’Arte”, presente con i suoi dirigenti e numerosi associati, dallo stesso maestro delle vetrate artistiche, si basa su una formula artistica che propone ai visitatori una realtà “criptografata” (da cui il titolo “Kriptografie”), vale a dire un originale e quanto mai efficace e suggestivo insieme di opere figurative, informali e astratte, il cui significato più autentico e profondo è in parte lasciato alla sagacia interpretativa degli stessi visitatori.
Per quanto riguarda la “Bottega dell’Arte”, dopo questa importante visita artistica, l’associazione missagliese si concentrerà adesso sulla prossima trasferta artistica e culturale in Spagna, per la precisone a Madrid e Cáceres, dove si svolgerà nel prossimo mese di giugno la diciannovesima edizione del “Premio Internazionale di Arte e Cultura L’Arcobaleno”, oltre a una mostra collettiva e a un viaggio d’arte fra musei e siti culturali spagnoli.