20170217

Automobilisti indisciplinati e disattenti e "fioccano" le contravvenzioni.


di Gianni Riva
LECCO - Automobilisti multati anche nel 2016. Sono oltre 37 mila le sanzioni elevate in un anno, per un ammontare complessivo di 1.639,616 euro.. Un lavoro incredibile quello svolto nel corso del 2016 dalla Polizia Locale di Lecco e su vari fronti che ha svolto, come da registro della sala operativa Un ruolo delicato ed importante quello della Polizia Locale perché svolto a stretto contatto con i cittadini ed anche con il loro coinvolgimento: i dati dimostrano un lavoro intenso e capillare che richiede soprattutto disponibilità e spirito di servizio, non una semplice applicazione della legge, ma l'individuazione, attraverso un lavoro di staff tra le varie unità operative, di interventi compiuti in vari ambiti (giudiziaria, ambientale, tributaria, infortunistica, stradale, commerciale ed annonaria) in sinergia con tutti i Settori del Comune, in modo da fornire anche un utile supporto alla soluzione di problematiche riguardanti, ad esempio, la mobilità, e che vale sia per il centro che per le periferie. Il Sindaco di Lecco Virginio Brivio e la sua vice Francesca Bonacina hanno affiancato il Comandante Franco Morizio nella sala consigliare del Municipio nella presentazione  dei dati del lavoro svolto dal comando della Polizia Locale di via Sassi nel corso del 2016. Il  Comandante Morizio, ha commentato l'attività svolta dalla Polizia Locale nel corso dell'anno da poco trascoso. Passando in rassegna le varie voci del compendio statistico distribuito questa mattina, Moeizio ha tenuto a rimarcare gli importanti risultati conseguiti nelle verifiche compiute per quanto riguarda la riscossione dei tributi locali, il ruolo che gli agenti, grazie ad un'apposita formazione, svolgono sul fronte dell'educazione stradale, dalle scuole per l'infanzia sino agli istituti di istruzione superiore. La necessità di intensificare i rapporti con i cittadini, in modo da migliorare la percezione di sicurezza.
Piazza della Stazione, via Volta, via Balicco, piazza Cermenati e via Dante: sono le arterie stradali lecchesi in cui vengono effettuate il maggior numero di contravvenzioni e due volte su tre si tratta di violazione della Ztl.  "Un corpo come la Polizia Locale in grado - sempre il comandante Morizio - di guardare al futuro, anche con il ricorso a strumenti definibili “2.0”, quali ad esempio il noto sistema di videosorveglianza e tracciabilità delle targhe, tanto apprezzato da molte città italiane, e che oggi rappresenta un vero e proprio“firewall” per la nostra città. La nostra è una professione che deve essere svolta con orgoglio,fierezza, devozione e sommo rispetto per l’uniforme indossata, lo stesso rispetto che deve contraddistinguerci nei quotidiani
rapporti che intratteniamo con la cittadinanza e con le Autorità locali". Presente in sala ancje il vice Prefetto Stefano Simeone che ha evidenziato il “modello di eccellenza” costituito dal sistema di videosorveglianza dotato di un sistema di tracciabilità delle targhe installato in cittàm aggiungendo:
“Il numero di reati nel capoluogo è in calo, un esempio è rappresentato dal numero delle rapine (nei negozi, in strada, a bordo di veicoli, in abitazione) passati da 26 del 2015 a 10 nel 2016. L’aspetto della deterrenza è fondamentale, l’uso delle nuove tecnologie (in questo caso lo “scudo”) unito all’operato delle forze dell’ordine ha apportato grandi benefici in questo senso".