20170221

Il presidente Bandini traccia un bilancio positivo di ANACI Lecco

Presente il vicepresidente nazionale vicario, Leonardo Caruso, che ha parlato dell’impegno di ANACI in Europa.

È un bilancio estremamente positivo quello che, nel corso dell’assemblea di ieri pomeriggio presso la sala convegni della Casa delle Costruzioni, ha tracciato il presidente di ANACI Lecco, Marco Bandini, dell’attività condotta nel corso dell’anno appena passato dall’associazione che rappresenta oltre un centinaio di amministratori condominiali della provincia.

Dal consolidamento del rapporto con le istituzioni locali – testimoniato anche dalla presenza  all’incontro dell’assessore ai servizi alla persona del comune di Lecco Riccardo Mariani e del presidente di SILEA SpA Mauro Colombo, oltre ad ACEL Service rappresentata dal responsabile marketing Gabriele Belluz – allo sviluppo dell’attività di formazione e aggiornamento, che ha coinvolto ben 724 partecipanti, conquistando un 91,7% di soddisfazione; dall’aumento costante dei lettori della rivista “Building & Management”, che hanno superato i 2500, al successo dell’ultimo open day, organizzato insieme a Como e Sondrio, che ha portato al Politecnico ben 360 partecipanti.

Dati che rendono particolarmente soddisfatto lo stesso presidente Bandini e fanno dell’appuntamento annuale un’occasione per sottolineare il ruolo dell’amministratore condominiale nella società contemporanea, con un occhio privilegiato indirizzato all’Europa. “Guardiamo all’Europa come riferimento naturale della nostra attività professionale. – ha sottolineato il vicepresidente nazionale vicario, Leonardo Caruso, intervenuto all’assemblea di ieri per sottolineare l’attenzione con cui  i vertici dell’Associazione seguono la territoriale lecchese – Vogliamo così poter contribuire direttamente al processo di armonizzazione della legislazione italiana in tema immobiliare, garantendo e tutelando in modo uniforme gli operatori che in ambito europeo svolgono la nostra funzione e intercettando le risorse finanziarie disponibili in tema di ambiente, energia, fonti rinnovabili, sviluppo sostenibile e Paes”.