20170518

Elisa Manzini da Los Angeles ad Introbio per presentare il suo ultimo romanzo.



Introbio – Presso la Biblioteca Arrigoni di Introbio, il 14 maggio è stato presentato il libro di Elisa Manzini, lecchese di nascita ma residente negli Stati Uniti, precisamente a Los Angeles, dove è autrice di commedie, sceneggiature e romanzi.
Elisa non poteva non scegliere la Valsassina per la presentazione de “Il mio nome è Ava Cincotti”, romanzo definito “rosa” ma con implicazioni psicologiche molto interessanti e attuali, perché Elisa Manzini ha ancora i genitori che vivono a Lecco, ma l’origine della sua famiglia è di Primaluna. Ed infatti erano numerosi i “cugini” e gli zii presenti ad Introbio. Introdotta da Paolo Cagnotto, presidente di lecco Film Commission, al termine del seguito dibattito ha ricevuto dagli amministratori introbiesi, nella persona del vice sindaco Lino Artusi un paio di volumi sulla storia di Villa Migliavacca e un romanzo sulle vicende introbiesi del secolo scorso.
Con il marito Anthony, musicista country, Elisa è rimasta affascinata dalla struttura di Vilal Migliavacca e ne ha approfittato per scattarsi diverse pose fra i mattoni dell’edificio. Lo ha voluto visitare accompagnata da Nadia La Vecchia e da Marco Sampietro, responsabili della Biblioteca.
Chissà che non ne nasca una storia ambientata ad Introbio? 

Nella foto Nadia La Vecchia con Marco Sampietro, Elisa Manzini e Paolo Cagnotto