20170529

Il comitato di Lecco della Croce Rossa Italiana fa festa con l'intera comunità lecchese che risponde alla grande



di Gianni Riva

LECCO - "Un'Italia che si lamenta, un'Italia imbronciata per i problemi.... Basta.C'è un'Italia invece che aiuta che ha amore per la vita e per i fratelli.
Questi sono i volontari della Croce Rossa". A dirlo nella messa festiva il rettore del Santuario della Vittoria Monsignor Angelo Brizzolari. Il Rettore ha celebrato la messa festiva accompagnata dai canti del Coro Nives di Premana anche in occasione della Festa della Croce Rossa Italiana organizzata dal comitato di Lecco. Nel Santuario colmo di fedeli e volontari, presenti anche il Sindaco di Lecco Virginio Brivio e il presidente della Provincia Flavio Polano.. La Festa della Croce Rossa è stato un momento molto partecipato dalla città vissuto nelle piazze principali del centro. Durante tutta la giornata la cittadinanza ha avuto la possibilità di provare le manovre salvavita pediatriche e di rianimazione cardiopolmonare. Ma non solo. In un apposito e spazioso gazebo molti i cittadini che si sono sottoporsi alla misurazione della pressionearteriosa e visionare i mezzi di soccorso e di protezione civile. Presentate anche le numerose attività di carattere socio-assistenziale in favore delle persone svantaggiate. Emozionante anche una simulazione di emergenza. A significare l'impegno della Croce Rossa Italiana locale la presenza di oltre 400 volontari . Lo scorso anno gli interventi effettuati sono stati 11 mila.Anche le "crocerossine" le infermiere volontarie lecchesi ausiliari delle delle Forze Armate. A Lecco sono trenta le croerossine  con  sette che lo stanno diventando tramite i corsi. Oltre a portare aiuto e conforto in caso di guerra, le crocerossine sono impegnate in emergenze sia nazionali che internazionali, le infermiere  sono da sempre impiegate anche in missioni umanitarie in Italia e all'estero. Marina Sangalli è da tre anni Ispettrice del gruppo ma da 31 anni nella Croce Rossa Italianiana.