20170521

Nella sfida playout fra Olginatese e Lecco calcio a salvarsi sono i blucelesti. Ma ora per la società fallita arriva un altro delicato momento.

Foto di Alessio Corti 


di  Gianni Riva.
OLGINATE  - Uno straordinario gol del giovane attaccante Davide Caraffa, realizzato durante i minuti di recupero, ha permesso al Lecco la riconferma della Serie D. I blucelesti di mister Bertolini si sono imposti in casa dei cugini dell'Olginatese per 3-2. La sfida era inquadrata nello spareggio fra le due lecchesi, che aveva come obiettivo, giocarsi la permanenza in serie D dopo un campionato tribolato, in particolare per la compagine del capoluogo. La società Calcio Lecco 1912 è fallita alla fine del 2016 e all'inizio della prossima settimana al Tribunale di Lecco l'asta per l'acquisto da parte di interessati per il prosieguo dell'attività agonistica. Ma ci sarà tempo per conoscere il nuovo percorso dei blucelesti. Nel frattempo i tifosi si sono entusiasmati al comunale in riva  all'Adda per questo successo in casa dei bianconeri di mister Fabio Corti ex portiere del Lecco in anni più felici. E proprio i padroni di casa i primi ad andare in vantaggio.Al sesto minuto del primo tempo magistrale punizione di Brognoli da una ventina di metri. Niente da fare per il portiere ospite. Il pallone finiva nel sette alla destra di Salvadori. Passavano 20 minuti e il Lecco, grazie ad un calcio di rigore battuto dall'ottimo  Cannataro pareggiava. Al quinto minuto della ripresa il Lecco ribaltava il risultato con Ronchi.  Al 12mo l'Olginatese pareggiava con Mara approfittando della poca attenzione della difesa ospite. Ma la partita non era finita. Nei minuti di recupero Il centravanti Caraffa trovava un gol fantastico. Dalla lunga distanza trovava un giusto pertugio che rendeva vano l'intervento disperato del portiere Celeste dell'Olginatese. Successivamente la gioia del grande pubblico bluceleste poteva esplodere per la salvezza della categoria. Una Serie D che l'Olginatese lascia dopo oltre 15 anni ma per la squadra del presidente Redaelli la speranza di un ripescaggio c'è ed è tanta perchè se lo merita.