20170530

TRAVIATA APRE TERRA E LAGHI 2017




Sarà TRAVIATA, ultima produzione di Teatro Blu, con Silvia Priori e Kaoru Saito (soprano) accompagnate dall' Orchestra di Ottoni Brass Band di Bergamo e del Conservatorio G.Verdi di Milano diretta dal M° Gianmario Bonino, testo e regia di Silvia Priori e Roberto Gerbolès, ad aprire giovedì 1 giugno h 21 al Teatro OpenJobMetis a Varese (Piazza Repubblica) con ingresso gratuito, l' XI edizione di Terra e Laghi – Festival internazionale di Teatro nell' Insubria e nella Macroregione Alpina.
Lo spettacolo continua il progetto di successo Teatro Opera, che ha l’obiettivo di avvicinare il pubblico alla grandiosità e alla bellezza dell' opera lirica miscelando il teatro col canto lirico, la danza e la musica dal vivo attraverso un approccio moderno e alternativo rispetto alla sua concezione classica. La trilogia, che comprende Carmen, Traviata e Butterfly, non a caso ha come protagoniste tre donne, forti e passionali, che pur appartenendo a culture diverse e lontane tra loro portano un forte messaggio di indipendenza, passione ed interculturalità, alcuni dei valori che il Festival Terra e Laghi vuole condividere sul nostro territorio, promuovendo la coesione sociale e veicolando messaggi di libertà, un sogno per il quale uno strumento forte come il teatro puo essere d’aiuto. Silvia Priori, direttrice artistica di Teatro Blu è orgogliosa di presentare la programmazione di Terra e Laghi 2017, quest' anno più che mai ricca e di grande qualità. 250 artisti provenienti da Italia, Svizzera, Colombia, Argentina, Ungheria, Giappone, Svezia, Russia, Irlanda e grandi nomi: Eugenio Bennato, Serena Sinigaglia, Tindaro Granada, Lucilla Giagnoni, Arianna Scommegna, Roberto Anglisani, Kaoru Saito, Tamas Mayor, senza dimenticare importanti presenze artistiche come il Teatro Stabile di Trieste, Fondazione Sipario Toscana, l' Atir, Cirko Vertigo, Proxima Res, l' Orchestra di Ottoni Brass Band 96 di Bergamo e del Conservatorio G. Verdi di Milano, i clown di Le Cirque du Soleil e dell' Accademia Dimitri, noti registi di fama internazionale come Daniele Finzi Pasca, Gabriele Vacis, Kuniaki Ida, solo per citarne alcuni. Da quest' anno inoltre, gli spettacoli saranno divisi in tre macrocategorie per facilitare l' orientamento degli spettatori: Teatro Prosa (Spettacoli che assemblano Teatro d'attore, teatro opera, teatro di narrazione, teatro di ricerca, teatro danza, teatro concerto); Teatro Family (Spettacoli indirizzati a bambini e famiglie) e Teatro Circo ( Spettacoli che mescolano l'arte teatrale alle arti circensi, acrobatiche, di mimo, di giocoleria). Terra e Laghi, inoltre, dilata nel tempo la sua presenza da giugno a novembre e si estende, proseguendo il viaggio iniziato lo scorso anno attraverso la Macroregione Alpina e portando il suo abbraccio nei più bei teatri delle 7 Regioni italiane (Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d' Aosta, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia), nei teatri dell' Austria, Francia, Germania, Slovenia e Svizzera. Primo Festival Internazionale di Teatro nell'Insubria e nella Macroregione Alpina, mescola e valorizza storie personali e collettive, storie di confine, storie di terre e territori. Nato con l' idea di creare legami e connessioni tra comunità, enti e istituzioni appartenenti alle aree di confine per valorizzarne le innumerevoli bellezze paesaggistiche, architettoniche ed artistiche, si è trasformato negli anni in un vero e proprio network, in una grande comunità in cui convivono e operano con passione una moltitudine di identità a volte davvero molto diverse, ma unite dalla voglia e dal bisogno di DARE alle persone e al territorio e di FARE qualcosa di vero e concreto, che speriamo possa rivelarsi potente ed efficace per tutti coloro che lo incontreranno. L'arte, la cultura, il teatro, hanno il potere di cambiare molte cose e molte vite, per questo ringraziamo di cuore tutte le persone, gli enti, le istituzioni, gli artisti che ci hanno meravigliosamente sostenuto e che hanno collaborato con noi anche quest'anno, chi lo ha fatto negli scorsi anni e chi lo farà in futuro.