20170613

All'assemblea di Confindustria Lecco-Sondrio il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia"tutti uniti su patto di scopo per crescere. Azzerare cuneo su assunzione giovani"

Lorenzo Riva e Vincenzo Boccia


di Gianni Riva
LECCO - Visione-Coraggio-Volontà-Creatività. Quattro parole importanti per gli imprenditori polmoni dell'economia.Ma.."Non si parla più dell'economia delle imprese ma di Legge Elettorale, e di elezioni politiche. Invece occorre intervenire e presto nei fondamenatli della crescita. Se le imprese crescono anche il nostro Paese ne beneficia". L'ha voluto dire anche a Lecco  il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. Il numero uno dell'organizzzazione imprenditoriale  ha concluso nell'aula magna del Politecnico l'assemblea generale della Confindustria Lecco-Sondrio "Noi il futuro",. Tanti i temi in primo piano:da parte di  Boccia: il sostegno a crescita e investimenti pubblici e privati; la questione industriale; l’azzeramento del cuneo fiscale per l’assunzione dei giovani (uno dei punti chiave del discorso); lo scambio salario-produttività; la riforma del modello contrattuale.Quanto al nodo per il rilancio del Paese, Confindustria propone ad istituzioni e parti sociali un patto di scopo. L’obiettivo è di uscire dalle criticità italiane e costruire un’effettiva dimensione europea. Sui giovani e l’occupazione, il presidente Boccia: "Noi  chiediamo assunzioni con l’azzeramento del cuneo fiscale per tre anni. Sarebbe un bel passo avanti ma ancora non risolutivo". L'assemblea generale, molto partecipata dagli imprenditori lecchesi e sondriesi, ha visto la prima relazione del nuovo presidente di Confindustra Lecco-Sondrio Lorenzo Riva, che ha sottolineato: "Noi siamo per un patto all'interno delle nostre fabbriche per un taglio definitivo con il passato che farebbe bene alle aziende ed anche i lavoratori; che senza imprese un lavoro non l'avrebbero, così come le imprese non potrebbero esistere senza le competenze dei nostri collaboratori". Sempre il presidente Riva:"per centrare il nostro obiettivo dobbiamo investire sui driver di sviluppo dell'innovazione, della globalizzazione e degli investimenti e cogliere le opportunità che ci vengono offerte dalla Legge di Bilancio 2017, dal Piano Mazionale Industria 4.0". Nell'assemblea presente anche  Mario Fortis, Vicepresidente della. Fondazione Edison, che ha detto: "I più importanti risultati ottenuti sono la creazione di nuovi posti di lavoro, di cui il 70% a tempo indeterminato grazie al Jobs Act e alle decontribuzioni.. I problemi aperti dalla lunga crisi, soprattutto in alcune aree come il Mezzogiorno, sono ancora gravi. Vi è stata poi una forte crescita dei consumi delle famiglie, grazie anche ai sottovalutati 80 euro. Basti pensare che rispetto al 1 trimestre 2014 i consumi privati sono cresciuti a tutt’oggi quasi 3 volte più del PIL. Grazie anche ai cospicui fondi stanziati per il made in Italy, vi è stato un miglioramento  nel rilancio degli investimenti, che sono ancora parecchio indietro, ma sui quali il nuovo Piano Industria 4.0 può fare molto". Nel contesto dell'importante appuntamento di Confindustria Lecco-Como l'organizzazione imprenditoriale ha premiato le aziende: 2 A, Avv e Nuovo Serpentino di Sondrio; Arlenico spa, Fiocchi spa, Cartiera dell'Adda spa e Rusconi Bixio di Lecco