20170720

Energivori: sbloccate anche le agevolazioni relative al 2015

Occorre eliminare l’incertezza normativa e potenziare gli incentivi per le Pmi”


Il 2017 sta riservando notizie importanti per le aziende a forte consumo di energia. Dopo lo sblocco, nel mese di gennaio, delle agevolazioni relative agli anni 2013 e 2014, pochi giorni fa una Delibera dell’Aeegsi ha dato il via libera al riconoscimento, “nel più breve tempo possibile”, anche dei contributi pertinenti alla fornitura del 2015.


“Questo provvedimento era fortemente atteso dalle imprese – ha dichiarato Ambrogio Bonfanti, Presidente del Consorzio Adda Energia – E in particolare dalle Pmi che, come è ormai diffusamente noto, si trovano in grave difficoltà a causa di una spesa energetica di molto superiore non solo alle grandi aziende (soggette al pagamento degli oneri di sistema in misura ridotta), ma soprattutto rispetto ai competitors europei. Ci sembra di poter riconoscere al Ministro Calenda di aver intrapreso un percorso incoraggiante per fronteggiare una delle difficoltà più rilevanti e urgenti per il nostro tessuto imprenditoriale”.

Nonostante la crescita ancora altalenante, le nostre imprese stanno dimostrando di saper affrontare le sfide attuali a testa alta, competendo sui mercati globali grazie alla capacità di essere flessibili, innovative e creative, realizzando prodotti dal design originale ed essendo disponibili a ideare offerte “tailor made” per i propri clienti, anche in settori apparentemente difficili come la meccanica. Queste le ragioni per cui il nostro è ancora, dopo la Germania, il secondo Paese manifatturiero d’Europa, malgrado un contesto fiscale, burocratico, creditizio e infrastrutturale molte volte esasperante e limitante.

“Riteniamo che sia una misura prioritaria, per agevolare la competitività delle nostre Pmi, ridurre il gap di prezzo dell’energia, allineandolo almeno alla media dei prezzi Ue – ha aggiunto il Presidente – Ci chiediamo come le istituzioni europee possano tollerare che nell’area euro la piccola impresa paghi mediamente il 60% in più delle grandi aziende anche se la stragrande maggioranza dei posti di lavoro in Europa sia stato creato dalle Pmi, perfino in questi ultimi dieci anni di crisi economica. Auspichiamo, pertanto, la sollecita ideazione di interventi, il più possibile strutturali e che tengano conto dell’aspetto dimensionale delle imprese, a tutela dei settori industriali energivori, oltre ad investimenti che consentano alle aziende di incrementare la propria efficienza energetica ricorrendo alle tecnologie più evolute”.

“I segnali di ripresa di questi ultimi mesi, seppur timidi, incoraggiano noi imprenditori ad andare avanti, cogliendo le sfide del mercato come opportunità per rafforzare le nostre aziende e per rispondere sempre meglio alle necessità del mondo globale – ha concluso Bonfanti – Abbiamo però bisogno vitale della vicinanza e della prontezza di risposta delle istituzioni, che devono imparare ad agire proprio come un imprenditore: con entusiasmo, rapidità, strategia ed oculatezza”.


Per informazioni e chiarimenti, in particolare sulle nuove disposizioni introdotte dalla Delibera n. 507/2017/R/eel dell’Aeegsi, contattare il Consorzio Adda Energia presso l’Api di Lecco.