20170729

La Chiesette dei Resinelli compie 100 anni


Di Cesare Perego
“Nell’anno di guerra 1917, il 12 Agosto, veniva benedetta la nuova chiesetta in località Piani Resinelli, ai piedi della Grigna, a quota 1300, alla presenza di una folla imponente di persone.

La chiesetta consacrata al Sacro Cuore era stata progettata dall’ing. Paolo Mezzanotte, di Milano, ed i lavori di costruzione erano stati iniziati nel 1915. Così veniva descritto in un articolo del compianto giornalista e scrittore Dino Brivio in un suo lavoro, nel 1980.

Lo stesso ricorda, che il discorso inaugurale venne tenuto dall’arciprete di Mandello don Giovanni Baj Rossi, che esordì con queste parole: “torna piacevole e bello parlare di Dio in mezzo a questa festività di natura, avendo quasi a volta di tempio il cielo, quasi a cattedra di verità il gugliato anfiteatro dei monti.  Sembra che la lingua naturalmente si snodi a parlare di Lui e delle sue perfezioni infinite e lo spettacolo suggerisca la lode alla sua immensa Grandezza e l’ordinata successione dei massicci delle Alpi, delle valli tortuose , dei verdi piani insigne omaggio alla sua Sapienza e la pace inarrivabile che invade l’animo, dia provato indizio della sua bontà. Tutto tra i monti parla Dio”.

In quegli anni, la località Piani Resinelli era raggiungibile solo a piedi, non vi era la strada che attualmente collega la località a Ballabio e quindi al fondo valle.
Erano presenti però le prime strutture turistico-ricettive, gli storici rifugi Sem (1899), l’attuale Rocca-Locatelli, (1908) e lo storici rifugio Carlo Porta del Cai Milano.(1911).
La chiesetta in questo primo secolo di vita, nella sua posizione dominante al centro della località, continua ad essere un riferimento per quanti credono e testimoniano la loro fede, ma anche ritrovo silenzioso e rispettoso di tanti villeggianti, alpinisti, tanta gente che trova nell’amore per montagna in questo luogo benedetto,l’opportunità, per un silenzioso ricordo e una preghiera per  tanti amici e conoscenti non più tra noi.