20170804

INTESA PER DIFENDERSI DA ATTACCHI INFORMATICI E FRODI TELEMATICHE NEL COMMERCIO ELETTRONICO

Protocollo siglato da Confcommercio Lombardia e Polizia Postale. Il plauso di Confcommercio Lecco
                                                
Diffondere buone prassi e standard di sicurezza organizzativa e informatica in materia di prevenzione del cyber-crime e delle frodi finanziarie commesse per via telematica, attraverso le territoriali di Confcommercio che operano nelle 12 province della Lombardia, tra cui Confcommercio Lecco, nei settori del commercio, turismo, servizi alle imprese servizi alla persona trasporti e logistica.  E' l'obiettivo del Protocollo per la prevenzione degli attacchi informatici e delle frodi online sottoscritto mercoledì 2 agosto tra il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni della Lombardia e Confcommercio Lombardia - Imprese per l’Italia.
"Si tratta di un'intesa importante che sancisce una collaborazione virtuosa tra la Polizia Postale e la Confcommercio - sottolinea il presidente di Confcommercio Lecco, Antonio Peccati - Questo protocollo si inserisce nell'alveo di un impegno che vede la nostra associazione sempre in prima fila nella tutela della legalità e della sicurezza e nel contrasto alla criminalità e all'abusivismo. Basti pensare alla Giornata "Legalità mi piace" che Confcommercio ripropone da anni in autunno e a cui anche Confcommercio Lecco ha sempre aderito. L'obiettivo di garantire una maggiore sicurezza nelle operazioni commerciali online, che sempre più caratterizzano il business delle nostre imprese, è fondamentale". E prosegue: "Vorrei ricordare, tra le varie iniziative intraprese nel recente passato da Confcommercio Lecco su questo tema, quella portata avanti, a fianco del Gruppo delle Agenzie di Viaggio, contro le forme di abusivismo e le truffe sul web, ma anche la collaborazione instaurata con la Questura di Lecco per quanto concerne le frodi telematiche. Ora questo Protocollo, con i suoi obiettivi di identificazione dei principali fattori di rischio, di supporto alla formazione delle strutture territoriali e di scambio di informazioni su minacce e vulnerabilità delle rete, potrà essere di aiuto per sensibilizzare e agire sul fronte della prevenzione delle frodi online e degli attacchi informatici che danneggiano in particolare modo gli imprenditori impegnati nell'e-commerce".
Il dato regionale è emblematico. In Lombardia operano ogni giorno oltre 500.000 imprese del terziario di mercato, e di queste due terzi sono presenti sul web in qualche forma: dal semplice sito internet informativo ai sistemi più evoluti di gestione online di tutte le fasi del business.

“Le nostre imprese – afferma Renato Borghi, vicepresidente vicario di Confcommercio Lombardia - stanno vivendo oggi una vera e propria rivoluzione digitale: non solo e-commerce, ma soluzioni in cloud, utilizzo dei big data, strumenti social. Una presenza sul web in continuo aumento così come la possibile esposizione a tutti i rischi informatici connessi. La collaborazione con la Polizia Postale consentirà a tutte le Confcommercio lombarde di mettere in campo servizi sempre più efficienti per accrescere la sicurezza delle imprese anche sul fronte tecnologico”.
Il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni svolge già da tempo una rilevante attività di prevenzione e repressione dei crimini informatici, di matrice comune, organizzata o terroristica, avvalendosi di tecnologie di elevato livello e personale altamente qualificato, specializzato nel contrasto del cyber crime.