20170924

"Tornare al servizio di leva". L'invito dell'associazione nazionale alpini al Governo


Conclusa la 2 giorni delle "penne nere" per i 95 anni della sezione di Lecco.


di Gianni Riva

LECCO - ". Gli alpini sono un Corpo militare e vanno fieri della loro militarità.  Dobbiamo  tornare a un servizio di leva  alla "naja"per avere ragazzi con maggiori valori umani, come siamo noi". Nelle parole del vice presidente nazionale dell'Associazione Alpini Gioirgio Sonzogni, la conferma di quanto il presidente nazionale Favero ha chiesto al Governo  Il presidente ha incassato inviti a formulare proposte concrete.
"Noi le abbiamo fatte ma finora nessuna risposta"- Sonzogni è intervenuto nel capoluogo per i 95  anni della sezione di Lecco. Alle 11,38 del 24 settembre dal pennone che si affaccia sul golfo di Lecco l'ammaina del tricolore. Ancora più emozionante con l'accompagnamento  dell'inno di Mameli dei corpi bandistici nella prospiciente piazza Cermenati. Questo momento ha chiuso la due giorni dedicati al prestigioso compleanno. Il presidente provinciale dell'A.n.a Marco Magni nel suo indirizzo di saluto ai cittadini e turisti che hanno affollato la conclusione dei festeggiamenti. ha detto: "In questi anni ripercorreremo insieme un tragitto ancora pieno di collaborazione e aiuto alle nostre comunità a fianco dei Sindaci  fiduciosi di ottenere un po' di luce sul nostro presente e di promettere ancora impegno per il futuro per noi e per le nostre genti". Il Prefetto Liliana Beccari, in merito a questo momento. ha aggiunto: "Voi alpini siete nella nostra società un punto di riferimento della solidarietà". Il Sindaco di Lecco, Virginio Brivio a nome dei colleghi di altri comuni presenti ha proseguito: "Oggi in questi difficili tempi che attreaversiamo noi abbiamo bisogno di avere una comunità attiva nel bene comune. Voi alpini ne siete una componente". Un'affermazione che ha trovato concorde Flavio Polano presidente della Provincia, Nell'ultimo atto della due giorni delle penne nere, sempre il vice presidente del'A.n.a Sonzogni ha affermato con amarezza: "Noi abbiamo raccolto, come associazione, 3 milioni di Euro per dare atto a progetti positivi alle popolazioni terremotate ma sino ad ora la burocrazia non l'ha ancora permesso". Stante a questo però gli alpini di Lecco, saranno nel maceratese per aiutare quanti stanno soffrendo.Al termine un emozionato e commosso presidente provinciale Magni ha ricordato Luigi Bossi con presenti la moglie Adriana e il figlio Paolo. Bossi fino alla sua scomparsa pochi mesi fa ricopriva la carica di vice presidente della sezione di Lecco.