20171024

“Uomini e Sport”: pugilato e alpinismo in primo piano



E’ dedicata al pugilato la copertina del nuovo numero di “Uomini e Sport”, la rivista di “Df Sport Specialist” fondata da Sergio Longoni che appunto nell’ultimo numero riserva alla cosiddetta “nobile arte”, appunto la boxe, una serie di servizi, il primo dei quali - a firma di Renato Frigerio - mette a confronto diverse generazioni di pugili, con uno sguardo anche storico su questa disciplina.

Belle, poi, le interviste - a cura di Giuliano Orlando - a Nino Benvenuti e a Roberto Cammarelle, così come quelle a Giacobbe Fragomeni e ad Emanuele Blandamura e interessante il servizio sul pugilato femminile .
L’articolo di apertura del nuovo numero di “Uomini e Sport” è un’intervista a Donatella Suardi , General manager di Scott Italia, la cui carriera è iniziata da giovanissima nell’azienda di Franco Acerbis, leggenda dell’imprenditoria bergamasca, che negli anni Ottanta ebbe la lungimirante intuizione di portare nel nostro Paese il marchio Scott.
Lo spazio dedicato a “Ogni volta un nome da non dimenticare” presenta Bruno “Camos” Tassi, climber fortissimo e caposcuola dell’arrampicata sportiva italiana, mentre “Accadeva nell’anno… 1989” si sofferma sulla prima ripetizione invernale del diedro Casarotto allo Spiz di Lagunàz da parte di Giorgio Anghileri, Manuele Panzeri e Riccardo Milani.

Sara Sottocornola intervista infine Tamara Lunger, l’alpinista che - come si legge nel titolo del servizio - ha trovato nella montagna lo spazio della sua libertà, e Maurizio Oviglia, al quale si deve l’apertura delle prime vie di arrampicata sportiva in Sardegna, terra fino ad allora quasi inesplorata.