20171111

L’Assemblea dei Soci di SILEA SpA approva il Conto economico al 30 giugno 2017 e il Conto economico previsionale - budget per il 2018 della Società



L’Assemblea dei Soci di SILEA SpA ha provveduto, in occasione della seduta odierna, ad approvare all’unanimità (presente oltre l’83% del capitale sociale) il Conto economico della Società al 30 giugno 2017, che chiude con un utile prima delle imposte pari a €. 868.882 e di circa €. 500.000 al netto delle imposte.
Come evidenziato dal Presidente il bilancio semestrale è in linea con il bilancio al 30.06.2016 presentato all’Assemblea dei Soci nel mese di novembre 2016, rispetto al quale presenta una diminuzione di circa €. 400.000 a seguito di una riduzione nel 2017 del valore dell’energia elettrica e per il minor afflusso nel periodo di richiesta di Mutuo Soccorso. In previsione dei risultati di fine anno, peseranno le conseguenze derivanti dall’evento che, il 27 luglio scorso, ha costretto la Società ad interrompere l’attività delle due linee del termoutilizzatore, quali: danni diretti, mancati ricavi in termini di vendita di energia elettrica e di conferimento dei rifiuti, maggiori costi anche di smaltimento - determinati dal conferimento dei rifiuti reinviati presso altri termoutilizzatori in regione Lombardia - oltre che costi di demolizione e sgombero, pari complessivamente a circa €. 2.100.000. Ciò determinerà una sostanziale chiusura in pareggio dell’esercizio 2017.

L’Assemblea ha anche provveduto ad approvare, con una sola astensione, il Conto economico previsionale - budget per il 2018, elaborato dal Consiglio di amministrazione della Società, che prevede un risultato complessivo di circa €. 600.000 ante imposte.
Tale risultato tiene conto di una serie di elementi. In primo luogo, a fronte dell’affidamento a SILEA da parte di tutti i comuni soci dell’intero ciclo integrato dei rifiuti, è stata espletata una procedura europea ad evidenza pubblica a cui ha partecipato un solo concorrente con uno 0,30% di sconto sulla base d’asta. Inoltre va tenuta conto sia la scadenza della convenzione degli incentivi GRIn (Gestione Riconoscimento Incentivi), sia la fermata del turboalternatore a partire dal 1° novembre 2018 e fino al marzo 2019, con la sostituzione della griglia e della tramoggia di carico della Linea 1.

Infine sono stati proposte modifiche ai corrispettivi che comporteranno, per i comuni soci, un beneficio economico pari a circa €. 200.000.
Diversi gli investimenti previsti: tra questi in particolare la sostituzione della torre di lavaggio fumi Linea 1, un miglioramento dell’impianto di abbattimento odori dell’impianto compostaggio, oltre alla revisione dello studio di fattibilità e al progetto definitivo per la realizzazione di un impianto anaerobico per produzione di bio metano, per un totale di Euro 2.010.000,00.
L’Assemblea straordinaria, tenutasi al termine di quella ordinaria, ha provveduto ad approvare, con una sola astensione, il nuovo Statuto aggiornato al Decreto Legislativo 175/2016 (Decreto