20171129

“Note in rosa” a Mandello, 1.000 euro al Fondo Zanetti. L’assessore: “Grazie”


 (C.Bott.) “La serata è andata benissimo. Quest’anno, dopo avere avuto l’ok dalle ragazze per l’evento musicale, avevo pensato di proporre qualcosa in più che desse  un valore aggiunto alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Così abbiamo allestito la piazza interna del municipio con scarpette rosse in segno di solidarietà nei confronti di tutte le donne che hanno subìto qualsiasi forma di violenza. Pensare poi all’Archivio comunale della memoria locale con la loro mostra “Mandello donna” allestita presso la sala consiliare è stato spontaneo”.

Così Serenella Alippi, vicesindaco di Mandello e assessore alle Pari opportunità, commenta la serata-evento “Note in rosa” andata in scena lo scorso fine settimana al teatro “Fabrizio De Andrè”.

“Riscoprire il valore della donna in questi tempi in cui si è perso un po’ il rispetto di questa figura mi è sembrato un segnale importante da valorizzare - afferma - Ringrazio pertanto Simonetta Carizzoni, presidente dell’Archivio della memoria, con la quale abbiamo tagliato il nastro della mostra nel pomeriggio di sabato, che ha creduto in questa scelta dell’Amministrazione. Grazie anche alla presidente del “Fondo Carla Zanetti”, Lucia Codurelli, che nel corso della serata al “De Andrè” ha spiegato come è nato il “Fondo” e come lo stesso interviene in aiuto alle donne in difficoltà vittime di violenza che devono reinserirsi nel mondo lavorativo”.

L’assessore Alippi osserva ancora: “Giordana Bonacina, Titti Radice, Roberta Albanese, Linda Spandri e Jessica Balbi, le cinque ragazze protagoniste dello spettacolo, e l’unico uomo in scena, lui pure in qualità di cantante e attore, sono stati fantastici e io sono felice di aver creato tra loro questa unione. La loro sensibilità al tema traspariva dalla loro grande emozione”.

“Un grazie va poi a tutte le persone che mi hanno aiutata per la realizzazione di questa giornata - conclude - e a tutti i presenti in sala, che hanno contribuito con le loro offerte a far sì che si potesse raggiungere la cifra di 1.230 euro. Davvero un successo inaspettato, grazie a tutti”.

Va detto che l’importo raccolto è stato devoluto la sera stessa dell’evento al “Fondo Zanetti” per 1.000 euro, mentre 230 euro sono stati destinati all’Archivio della memoria quale partecipazione alle spese per la realizzazione dei pannelli facenti parte della mostra.