20161012

Nella provincia di Lecco scatta il progetto "Alimenti in salutte" Iniziativa dell'Asl presentata ieri mattina.



di Gianni Riva
LECCO - "Prenditi cura di te, mangia sano con alimenti in salure"Lo slogan di un progetto del sistema  socio sanitario Ats Brianza: rogetto presentato ieri mattina nella sala conferenze della sede di Corso Carlo  Alberto. Si tratta  di un progetto nato dall'alleanza di associazioni che s'impegnano nella salute dei cittadini. Fondamentale caro anche alla ristorazione  nell'opportuinità di offrire alimenti sani e gustosi. Un progetto che vede coinvolti 15 agriturismi della provincia iscritti al consorzio Terrealte. Ma altri ristoranti e locali della provincia sono attenti a questa iniziativa. 
Mangiare bene in allegria si può ed essere consapevoli di ciò che si ha nel piatto è importante quanto il modo di mangiare. Prendere il tempo per cucinare, mangiare e condividere un momento di relax sono infatti tutti elementi che hanno un impatto diretto sulla nostra alimentazione.
"I principali gruppi di alimenti che devono essere presenti nell’alimentazione quotidiana per garantire una dieta equilibrata - spiega il dottor Franco Tortorella del servizio di medicina preventiva di comunità Asl di Lecco -  sono:
frutta e verdura: alimenti privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Hanno un ruolo protettivo nella prevenzione delle malattie croniche che compaiono in età adulta. come scompensi cardiovascolari e tumori.. Offrono una grande varietà di sapori, tutto il necessario per coniugare salute e soddisfazione.  È importante ricordare che la frutta e verdura di stagione sono spesso più economiche e gustose. 
Carne e pesce forniscono anche ferro. Il pesce ha poi un effetto protettivo dovuto al tipo di grassi contenuti  che riducono il rischio di malattie cardiovascolari.  È importate privilegiare le carni magre (pollo, tacchino, vitello e coniglio) limitando il consumo di carni rosse e grasse (maiale, oca, anatra).  possiedono un alto contenuto di sale.  Importante poi è il condimento dando la preferenza all’olio extravergine di oliva, limitando l’uso di grassi di origine animale come burro, lardo, strutto e panna, che contengono elevate quantità di grassi saturi". Ma il progetto "Alimenti in salute" va anche all'indirizzo della ristorazione privata e pubblica. "Importante è il loro ruolo in questo progetto - conclude il dottor Tortorella - perchè il mangiare fuori casa conta molto sulla salute dei cittadini, Fra i consigli nel nostro progetto quello di usare pane e pasta integrale o riso in farro o in cereali. Ma anche nella preparazione dei panini, insalate e piatti freddi occore anche dare spazio alla frutta al posto dei dessert". Alla presentazione del progetto anche la prsidente Bergamini e il coordinatore Brambilla del consorzio Terrealte.