20161111

DUE ORE DI MUSICA CHE HANNO EMOZIONATO IL PUBBLICO AL TEATRO DELLA SOCIETA'




Di Gianni Riva
LECCO - Un Teatro della Società esaurito dal pubblico ha accolto uno spettacolo musicale di alta qualità. Significativo il titolo dell’evento: “La canzone nel mondo è donna”. Due ore piene di musica in un viaggio attraverso il mondo con le sue canzoni. La cantante Paola Casoria  ha aperto la serata e il bravo Max Corfini l'ha chiusa con il brano "Ancora.
Canzone dedicata a tutte le donne presenti in sala. Filo conduttore della serata il musicista e compositore lecchese Dino Siani , che si è esibito al pianoforte affiancato da Pino Bifano alla chitarra elettrica e da Luca Nobis alla chitarra classica. Protagoniste dello spettacolo  cinque interpreti femminili: Paola Casoria, Francesca Bottone, Sara Lupi, Monica Della Vedova e Lara Conte. Il tutto presentato dal conduttore e regista dell'evento Massimo Graziano. Il maestro Dino Siani che ricorda i 60 anni di carriera è tornato con il suo pianoforte in città per dare un prroprio contributo alla Casa Don Guanella dell'amico don Agostino Frasson impegnato nel lavoro nell'aiuto a ragazzi in difficoltà nel progetto Cascina Guanella nel verde di Valmadrera. Un concerto che il maestro Siani ha voluto dedicare in parte alla moglie scomparsa..
Con Carla, la donna da lui sposata giovanissima, strappata da poco tempo  al suo affetto e a quello degli adorati figli Giorgio, Carlo e Laura. 
“Ho voluto dedicarle anche il mio Cd – ha detto Dino Siani – che ha sempre creduto in me e dalla quale era nata l’dea di questo lavoro. Sì, lei lo ha fortemente voluto e ora rimarrà come ricordo tangibile del suo amore, della sua comprensione e del suo saper conciliare sempre al meglio i miei impegni professionali con il suo ruolo di moglie, di madre e di nonna”. Il maestro Siani si è commosso quando alla fine don Agostino Frasson della Casa Don Guanella di Lecco gli ha regalato un quadro con sulla tela il ritratto di sua moglie.
L'iniziativa del concerto ha avuto il sostegno del Comune di Lecco e Simona Piazza, assessore alla Cultura