20161120

Inaugurata la biblioteca universitaria di Renzo Piano a Trento: bibliotecari in prima fila per migliorare i servizi

La nuova biblioteca universitaria centrale di Trento è pronta ad aprire i battenti e ad accogliere più di 400 persone tra studenti e personale. Tra i protagonisti dell’inaugurazione di sabato 19 novembre al quartiere Le Albere, c’erano anche loro: i cinquanta addetti dell’azienda multi servizi Euro&Promos, a cui è affidato il compito di abbinare a una struttura tanto prestigiosa, firmata dall’archistar Renzo Piano, servizi bibliotecari di altissimo livello per gli studenti dell’ateneo.

«Euro&Promos collabora con l’Università di Trento dal 2014 –spiega il presidente Sergio Bini– e gestirà i servizi bibliotecari per i prossimi due anni. Quello che è stato fatto a Trento è un ottimo esempio di sinergia tra committenti, progettisti e lavoratori nell’ideare uno spazio che sia il migliore possibile, per utenti e addetti. Il nostro personale ha infatti collaborato con idee e consigli andando molto al di là delle “mansioni” descritte nei capitolati. È qualcosa che sarebbe auspicabile in ogni posto di lavoro: ideazione, ascolto, collaborazione e messa in pratica».
Gli addetti di Euro&Promos che lavorano nella nuova biblioteca e nelle altre sedi dell’Unitn sono una cinquantina. Sono persone esperte e formate, oltre che molto giovani (l’età media è 30/40 anni) e orientate all’innovazione. «I nostri ragazzi sono entusiasti di prestare servizio nella nuova biblioteca dell’Ateneo –spiegano Francesca Rossi e Roberta Cellamare, referenti del Trentino di Euro&Promos–. Grazie all’impegno e alla professionalità dei nostri operatori e alla collaborazione del personale interno dell’Università di Trento, si è creato un luogo di lavoro dove i ragazzi sono riusciti a far sentire le loro voci, le loro idee e le loro proposte non limitandosi a fornire un servizio ma, insieme con l’Ateneo, a migliorarlo in tutti i suoi aspetti. A riprova di questo, nonostante il trasloco in atto, la biblioteca ha garantito e garantirà il servizio con il minimo dei disagi e un periodo minimo di chiusura.