20161102

“Uomini e Sport” onora Lorenzo Mazzoleni

E parlando di “df Sport Specialist” Sergio Longoni scrive: “Ho sempre cercato di risolvere ogni problema con mezzi che conciliassero il profitto con i valori”


(C.Bott.) Un nome da non dimenticare. E’ quello di Lorenzo Mazzoleni, alpinista del quale ricorre quest’anno il ventennale della scomparsa. E Uomini e Sport, la rivista edita da “df Sport Specialist”, non dimentica. “La montagna ha tenuto per sé il suo corpo giovane e vigoroso - scrive Renato Frigerio - ma lui ha riservato, come un dono per chi continuerà a ricordarlo, l’entusiasmo gioioso del suo spirito”.

Si era sul finire del mese di luglio del 1996 quando la città di Lecco fu scossa dalla notizia della tragedia che era costata la vita a una tra le più belle realtà dell’alpinismo lecchese.
“Se facciamo il nome di Lorenzo Mazzoleni - annota sempre Frigerio sulle pagine della rivista - anche ora che sono passati vent’anni dal quel tragico luglio 1996 sono ancora molti tra noi a trovarsi con gli occhi velati di lacrime: Lorenzo era il grande alpinista che stava rinverdendo gli allori più fulgidi dell’alpinismo cittadino, ma forse ancora più quel ragazzo straordinario, dal cuore buono e aperto, che sprizzava vitalità, vivacità, gioia di vivere. Una persona semplice e gioviale, di cui ognuno avrebbe desiderato condividere la sua amicizia leale e sincera”.

Di montagna sul nuovo numero di Uomini e Sport si parla anche nel servizio sul primo campeggio dei Ragni di Lecco che riporta la relazione - a firma di Riccardo Cassin - su un significativo episodio alpinistico del 1947, oltre che per il traguardo dei 70 anni di fondazione dei Ragni della Grignetta, celebrato lo scorso mese di maggio con una serata nel corso della quale sono state ripercorse le grandi imprese degli ultimi anni del glorioso gruppo alpinistico.
Alpinismo e montagna, dunque, ma non solo. Uomini e Sport dedica anche un ampio servizio alla Nespoli Group, azienda che, partita dall’operosa Brianza, come si legge nel titolo dell’articolo a firma Marco Milani non si è più fermata.
Un incredibile successo industriale, quello della Nespoli Group, che ha preso il via dalla produzione di un articolo all’apparenza umile qual è il pennello.

Lo spazio riservato alle “generazioni a confronto” è dedicato alle interviste a Claudio Gentile, Roberto Donadoni, Marco Benassi e Antonio Barreca.
Sulle pagine della rivista c’è spazio altresì per servizi sulla Traversata dei Pirenei in mountain bike, sull’amicizia che lega Sergio Longoni a Simone Moro. E’ lo stesso Longoni a ripercorrere, nell’editoriale, il cammino di “df Sport Specialist”.

“Ho cercato di risolvere ogni problema - scrive - con mezzi che conciliassero il profitto con i valori. Incrementare le vendite valorizzando insieme la qualità del personale, circondarmi di testimonial appetibili, ma offrendo loro in cambio un valido sostegno per svolgere la loro attività, creare un clima di amicizia con i clienti, offrendo loro interessanti incontri con prestigiosi esponenti del mondo dello sport”.