20161207

Messa solenne ieri sera nella Basilica in occasione del 6 dicembre festa del patrono San Nicolò. Con il prevosto tutti i sacerdoti del capoluogo



di Gianni Riva
LECCO - La città ieri ha onorato il patrono San Nicolò. Un Santo che è molto caro non solo ai cittadini. Nella Basilica gremita di fedeli è stata celebrata la messa solenne presieduta dal prevosto Monsignor Franco Cecchin con presenti i sacerdoti del capoluogo. Nell'omelia Monsignor Cecchin ha detto:"Questo è il mio nono anno, nel quale sto vivendo l’esperienza affascinante e avvincente come prevosto di Lecco. Da subito mi sono sentito lecchese, sia pur di adozione. Di anno in anno, nella festa patronale di S. Nicolò, che coinvolge la realtà ecclesiale e civile di Lecco, rivolgo un messaggio coraggioso. Quest'anno è  "Lecco sii profetica". Un messaggio sollecitato da un lato dal contesto storico postmoderno e dall’altro lato dalla tipicità della nostra città, mi sono convinto che più di ogni altra realtà abbiamo bisogno di profezia nel riconoscerci a San Nicolò".Al termine della messa la processione dei sacerdoti ha raggiunto la statua del Santo per omaggiarlo Nella Basilica di Lecco come reliquia del Santo esiste la ";amma", Si tratta di un lliquido purissimo nel quale galleggiavano le spoglie del santo quando i marinai baresi trovarono la sua tomba. I numerosi fedeli hanno voluto baciarla come segno di protezione anche del nuovo anno che è alle porte. San Nicolò è,venerato dalla Chiesa Cattolica ed Ortodossa, è conosciuto in tanti modi, ma alla fine è sempre lui, anche se si chiama San Nicola di Bari o San Nicola di Myra.