20170110

ll 220mo anniversario del Tricolore dedicato alla memoria di Pino Galbani che riposa nel cimitero di Castello


di Gianni Riva
LECCO - Era il 7 marzo 1944 quando 26 operai lecchesi, “colpevoli” di aver aderito ad uno sciopero, vennero deportati nei campi di concentramento nazisti. Solo 7 di loro riuscirono a sopravvivere nell’inferno del lager. Di questi con la morte di Pino Galbani termina la testimonianza viva di quanto accadde in quel 7 marzo 1944.

Ma chì denunciò  ai fascisti i lavoratori?La risposta ora riposa con  Galbani scomparso a 90 anni nello scorso Natale. "Lui non volle mai dirlo perchè considerava la "vendetta"inutile, Pino era così umile e con la Patria nel cuore" afferma Angelo De Battista che collaborò con Galbani  in  un libro intitolato «58881», il suo numero di matricola e nuovo nome del prigioniero, pubblicato nel 1999, a cura della Camera del Lavoro di Lecco e dell'Istituto lecchese, A Pino Galbani è andato il ricordo del 220mo anniversaario del Tricolore.che si è tenuto nella sala Planetario di Palazzo Belgiojoso" E' toccato alla dottoressa Liliana Baccari prefetto di lecco ticordare la bandiera Tricolore "Era il 7 gennaio 1797  quando a Reggio Emilia  si rendesse “universale lo Stendardo o bandiera Cispadana di tre colori: Verde, Bianco e Rosso . Il tricolore successivamente accompagnò le truppe nelle guerre d’Indipendenza contro l’Austria, poi adottata dal neonato Regno d’Italia (1861) e infine introdotta nel testo della Costituzione all’articolo 12, il quale recita “La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni“.Presenti alla cermonia il vice sindaco Francesca Bonacina il presidente di Assoarma Pippo Di Lellio i parlamentari lecchesi Fragomeli e Tentori il consigliere regionale Straniero il tenente colonnello Pasquale Del Gaudio, comandante provinciale dei Carabinieri e  Massimo Dell’Anna   Comandante provinciale della GdF di  Lecco. Il direttore dei civici musei Mauro Rossetto ha condotto la partecipata cerimonia.