20170312

Via Crucis al Monastero di Missaglia con le stazioni della “Bottega dell’Arte”



di Silvano Valentini
La “Bottega dell’Arte” di Missaglia sarà prossimamente al centro dell’attenzione con i pannelli che riproducono la sua Via Crucis, realizzata e donata lo scorso anno all’Eglise Collégiale Saint-Merry di Linas in Francia nell’Essonne, a due passi da Parigi, ed esposta nella stessa chiesa d’Oltralpe con molto successo di critica e di pubblico il 20 marzo 2016, domenica delle Palme.


Adesso, infatti, quella stessa Via Crucis, riprodotta appunto su pannelli, verrà esposta al Monastero della Misericordia di Missaglia mercoledì 22 marzo in occasione di una Via Crucis organizzata dal Movimento Terza Età e dal Decanato di Missaglia, con inizio alle ore 14,30, e che si svolgerà all’interno dell’ex Convento francescano, popolarmente chiamato Monastero.

L’importante complesso architettonico, con affreschi attribuiti, fra gli altri, a Vincenzo Foppa e al Morazzone o alle loro scuole, risale al XV secolo, con la consacrazione della chiesa nel 1498, poi soppresso in epoca napoleonica nel 1798 e oggi di proprietà del Comune di Missaglia, dopo essere stato restaurato grazie soprattutto all’attività dell’associazione “Amici del Monastero” guidata da Pietro Redaelli e con presidente onorario per molti anni il grande pittore e scultore italiano Aligi Sassu.


Gli artisti della “Bottega dell’Arte” autori delle 14 stazioni della Via Crucis, più quella della Resurrezione e altre cinque con Gesù Misericordioso, la Vergine Maria e i Santi Merry, Stefano e Vincenzo, sono Roberto Bianchi, Ornella Brambilla, Marco Busoni, Carmen Corti, Cinzia Giannini, Gianfranco Germiniasi, Vincenzo Gramignano, Aurora Iogà, Olena Khudoley, Lorenza Mabini con Costanza Gambelunghe, Angela Maltese, Angela Marabese, Aska Mendys-Gatti, Luca Meroni, Lorena Pozzi, Zeudi Rimondi, Gerry Scaccabarozzi, Giusi Sottile, Stefano Vavassori e Letizia Zarba.