20170324

IL GRANDE RITORNO DI LAURA COGLIATI A LECCO


Laura Cogliati, classe 1981, lecchese, si colloca fin dagli esordi fra le cantanti più apprezzate del nostro territorio.
Nel suo percorso artistico, iniziato in giovanissima età, ha attraversato diversi linguaggi musicali, studiando e collaborando con musicisti di fama internazionale, nelle più diverse formazioni, partecipando a numerosi festival e rassegne che le sono valsi eclatanti riconoscimenti.
E' passata dalla polifonia, all'hard rock, dalla musica barocca al blues, sino ad approdare, nel 2001 al jazz, grazie all'incontro con Giorgio Gaslini che da allora l’ha sostenuta e incoraggiata sempre.


All’inizio conosce la musica corale polifonica e si appassiona a quella classica, da Palestrina, passando per il periodo barocco di Bach, il romanticismo tedesco, l'impressionismo francese fino alla musica contemporanea.
Ha studiato pianoforte ed armonia sotto la guida del M° Francesco Sacchi, il quale in collaborazione con l’autrice lecchese Sabrina Lavecchia, compose per lei un progetto musicale inedito: "Meravigliosamente”, incrocio tra musica contemporanea e jazz, giunto in finale al Festival di Castrocaro Terme.

Gran parte della sua attività, oltre all'aspetto concertistico, è stata da lei dedicata alla didattica, ha infatti insegnato in diverse scuole del Lecchese.

Negli ultimi anni la sua vita privata l'ha portata a risiedere per qualche tempo in Veneto, ma ora ha fatto ritorno a casa, nella sua città natale: Lecco, ed è da qui che intende ricominciare.

“Sei lieta di questo ritorno?”, le abbiamo chiesto.
Indubbiamente sì, sono da sempre legata a questi luoghi dove ho visto la luce e che mi hanno sempre regalato emozioni forti.

"Come è nata la tua passione per la musica?".
Ho avuto un approccio molto familiare con la stessa fin da piccola, tanto che a 8 anni ho preso a cantare nel coro della parrocchia vivendo un'esperienza che non dimenticherò mai! Sapere che alla Messa di Natale c'era il mio papà ad ascoltarmi era emozionante. Nel periodo delle scuole medie ho studiato flauto traverso, e successivamente, a 14 anni, quasi per gioco ho iniziato a studiare canto. Poi dei ragazzi più grandi di me, che avevano una band hard rock, in seguito mi proposero di unirmi a loro e da lì cominciò tutto..

"Qual è stata la tua formazione musicale?".
Ho sempre cercato di abbracciare tutte le prassi conoscitive e tecniche, per poterne far tesoro, pervenendo poi a quello che è il mio personale linguaggio. Ho studiato canto classico per parecchi anni e contemporaneamente ho frequentato anche il rock ed il blues, ciò mi ha permesso in futuro di poter affrontare generi diversi e di avvicinarmi al jazz ed al canto lirico di cui sentivo fortemente l'esigenza.

“Ci sveli i tuoi progetti futuri Laura?”.
“Sono molti i progetti sui quali sto lavorando, spero innanzitutto di tornare presto ad esibirmi dal vivo, e ad aprile terrò una Masterclass presso lo "Studio Musicale Mi Sol - Scuola di Musica Francesco Sacchi, in cui ho insegnato sin dalla sua fondazione fino al mio trasferimento in Veneto, e dove tutt’ora insegno.


Durante il seminario, dal titolo "Emozionare con la voce : la tecnica al servizio dell'interpretazione" che avrà luogo Domenica 9 aprile, verranno trattati argomenti quali: la scelta del repertorio, l' analisi del brano, lo studio e  l'interpretazione. Ogni partecipante avrà la possibilità di lavorare individualmente con lei. Per informazioni potete scrivere a mi.sol@live.it”.