20170906

Sabato 9 settembre per la cantante lirica Dyana Bovolo altro impegno. Sul palco del Teatro varesino Soms impersona un personaggio nell'opera le Nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart


Lecco  La giovane mezzosoprano lecchese Dyana Bovolo sarà fra le protagoniste sul palco del Teatro Soms - Via Malgarini, Cocquio Trevisago (Va) la sera di sabato prossimo 9 settembre in uno spettacolo originale, divertente e anche un po' pazzo. Si tratta di un'opera celebre: le Nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart .Questo spettacolo è  in forma semiscenica con l'accompagnamento pianistico.
Con la Bovolo che impersona Cherubino gli altri cantanti, sono: Conte- Christian Invernizzi, Contessa- Evelyn Iuliano. Figaro- Sergio Rao, Susanna- Alessandra Rossitto Al  Pianoforte- Maurizio Carnelli  Voce narrante- Daylight Bovolo.  Il filo conduttore dell'opera mozartiana è che amore non è un capriccio, bensì quel bisogno infinito d’amare che l’uomo ha, nel suo continuo cercar la donna giusta, creandosi però anche il  lproprio destino. Sul palco  del teatro varesino viene rappresentata la folle giornata, nella quale mille colpi di scena si susseguono senza posa sull'onda della musica mozartiana, viene però proposta in una rielaborazione originale: non è la recita vera  e propria, ma la prova che una compagnia di artisti un po' scombinata sta svolgendo per riuscire a mettere in scena l'opera  teatrale "Le Nozze di Figaro" di Mozart. Lo spettacolo consiste in una rappresentazione semplificata delle Nozze di Figaro di Mozart in un percorso di avvicinamento all'opera, realizzata in collaborazione con l'associazione Circolo Cooperativa di Caldana e l'Associazione Acitko che impegnerà alcuni giovani artisti della Scuola Civica di Musica di Milano. Dopo un mese di studio a Roma la giovane mezzosoprano lecchese torna su un palcoscenico importante. Un altro traguardo  per la giovane cantante lirica che in quesi anni sta confermando le sue qualità canore. Una voce quella della lecchese che prima viene dal suo cuore e poi dando emozioni a chi l'ascolta.